Ricerca

Supplemento prebiotico aumenta i livelli di peptide C nei bambini con diabete di tipo 1

I bambini con diabete di tipo 1 assegnati a un supplemento giornaliero prebiotico in polvere per 3 mesi hanno sperimentato una “significativa conservazione” nei livelli di peptide C rispetto ai fanciulli con placebo, nonché una maggiore permeabilità intestinale, in base ai risultati di un piccolo studio randomizzato controllato.

“I prebiotici possono essere utili nei bambini con diabete di tipo 1 alterando il loro microbioma intestinale,” Carol Huang, MD, PhD, FRCPC , professore associato nel dipartimento di pediatria e biochimica e biologia molecolare all’Università di Calgary e capo della divisione di endocrinologia presso il centro di scienza della salute pediatrica dell’ospedale di Alberta, ha detto al sottoscritto. “Un microbioma intestinale più sano può tradursi in un migliore controllo metabolico e, si spera, meno complicanze a lungo termine nei bambini con diabete di tipo 1”.

Huang e colleghi hanno analizzato i dati di 38 giovani di età compresa tra 8 e 17 anni con diabete di tipo 1 per almeno 1 anno, reclutati da un centro di cura terziario da febbraio 2016 a marzo 2017 (età media, 12 anni, media HbA1c, 8%). I ricercatori hanno assegnato in modo casuale i partecipanti a un prebiotico di 8 g di inulina arricchita con oligofruttosio al giorno (radice di cicoria Orafti Synergy1, Beneo; n = 17) o 3,3 g di maltodestrina al giorno (placebo; n = 20), entrambi forniti in essere mescolato in acqua. L’intervento di 3 mesi è stato seguito da un periodo di washout di 3 mesi. Al basale e 3 mesi, i ricercatori hanno misurato il peptide C nel siero, HbA1c e i marcatori infiammatori del siero. La permeabilità intestinale tramite campioni di feci è stata valutata al basale, 3 e 6 mesi

A 3 mesi, i livelli di peptide C erano più alti nel gruppo prebiotico ( P = .029) così come la permeabilità intestinale ( P = 0,076). Non ci sono state differenze tra i gruppi in HbA1c o marcatori infiammatori a 3 mesi.

“A causa del noto effetto dei metaboliti batterici associati ai prebiotici sulla stimolazione dei peptidi simili al glucagone, abbiamo misurato i livelli sierici di GLP-1 e GLP-2 prima e dopo il trattamento prebiotico”, hanno scritto i ricercatori. “Qui, abbiamo osservato alcuna differenza significativa in GLP-1 e GLP-2 in risposta al trattamento tra il gruppo placebo e prebiotico.”

I ricercatori hanno osservato un aumento dell’abbondanza relativa di ifidobacterium all’interno del gruppo prebiotico a 3 mesi, che non era più presente dopo il periodo di washout di 3 mesi. Il gruppo placebo ha avuto significativamente più alta crescita relativa di treptococcus, oseburia inulina vorans, errisporobacter e aecalitalea rispetto al gruppo prebiotico a 3 mesi, i ricercatori hanno scritto.

Nel valutare il microbiota intestinale, i ricercatori hanno scoperto che la diversità all’interno del campione era “leggermente ma significativamente diminuita” nel gruppo prebiotico ( P = 0,035), mentre l’analisi multivariata della varianza permutazionale ha mostrato un effetto significativo del trattamento sulla struttura generale della comunità microbica nel gruppo prebiotico ( P = .003).

“La conferma delle nostre scoperte in uno studio più ampio e multicentrico è necessaria per convalidare la nostra scoperta in questo studio”, ha detto la Huang. 

Categorie:Ricerca

Con tag:,