Sport e movimento

Il tempo di esercizio di resistenza influenza la risposta del glucosio nel diabetico di tipo 1 adulto

Una piccola coorte di adulti sani e attivi con diabete di tipo 1 ha riscontrato un aumento maggiore della glicemia e un’iperglicemia più frequente durante l’esecuzione di una serie di esercizi di resistenza a digiuno al mattino, confrontati con lo stesso regime durante il pomeriggio, secondo risultati pubblicati su The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.

“Molte delle raccomandazioni per l’aggiustamento dell’insulina e l’integrazione di carboidrati per l’esercizio fisico non tengono conto del fatto che gli individui siano attivi mentre sono in stato di digiuno o in uno stato alimentato”, Jane Yardley, PhD, assistente professore di educazione fisica presso l’Università di Alberta , Augustana Faculty, e membro dell’Alberta Diabetes Institute, ha dichiarato al sottoscritto . “Coloro che si esercitano per prima cosa al mattino potrebbero non aver bisogno di un approccio aggressivo. Per quelli con diabete di tipo 1 che cercano di mantenere o perdere peso, il digiuno può essere una buona opzione. Tuttavia, chi lotta contro l’iperglicemia può voler evitare l’esercizio mattutino, poiché potrebbe rendere più difficile la gestione della glicemia. “

In uno studio randomizzato e crossover, Yardley e colleghi hanno analizzato i dati di 12 adulti sani con diabete di tipo 1 che erano abitualmente attivi (eseguendo sia esercizi aerobici che di resistenza ) reclutati dall’Università di Alberta per partecipare a due round di test da sforzo (nove donne; età media, 32 anni, durata media del diabete, 19 anni, media HbA1c, 7,4%, otto utilizzavano pompe per insulina). Una sessione si è svolta alle 7 del mattino, con partecipanti a digiuno, e l’altra alle 17:00, con almeno 48 ore tra una sessione e l’altra.

Per ogni sessione, i partecipanti hanno eseguito 40 minuti di esercizio di resistenza, tra cui tre serie di otto ripetizioni, sette esercizi, a un massimo di otto ripetizioni prestabilite. I ricercatori hanno raccolto campioni di sangue immediatamente prima dell’esercizio, immediatamente dopo l’esercizio e 60 minuti dopo l’esercizio. Il glucosio interstiziale è stato monitorato durante la notte dopo l’esercizio mediante monitoraggio continuo del glucosio .

I ricercatori hanno scoperto che i livelli di glucosio nel sangue aumentavano durante l’esercizio mattutino a digiuno, da una media di 9,5 mmol / L a 10,4 mmol / L, mentre i livelli diminuivano con l’esercizio pomeridiano, da una media di 8,2 mmol / L a 7,4 mmol / L ( P per volta per interazione di trattamento = .031). A 60 minuti dall’esercizio, la concentrazione media di glucosio nel sangue era più alta per i partecipanti dopo l’esercizio mattutino a digiuno rispetto all’esercizio pomeridiano (media, 10,9 mmol / L vs 7,9 mmol / L; P = .019).

Una piccola coorte di adulti sani e attivi con diabete di tipo 1 ha riscontrato un aumento maggiore della glicemia e un’iperglicemia più frequente durante l’esecuzione di una serie di esercizi di resistenza a digiuno al mattino rispetto allo stesso regime durante il pomeriggio.

I ricercatori hanno scoperto che i livelli glicemici medi misurati con CGM nelle 6 ore successive all’esercizio fisico non differivano tra le sessioni di allenamento del mattino e del pomeriggio. La variazione media della glicemia assoluta per 6 ore dopo l’esercizio è stata maggiore ( P = 0,019) dopo l’esercizio mattutino (media 2,7 mmol / L) rispetto all’esercizio pomeridiano (media 2 mmol / L) indicando più variabilità glicemica dopo la sessione di esercizi a digiuno , secondo i ricercatori. Non ci sono state differenze tra l’esercizio di resistenza mattutina e pomeridiana rispetto alla frequenza dell’ipoglicemia nelle 6 ore dopo l’esercizio o nel periodo notturno dopo l’esercizio.

Il tempo medio trascorso nell’iperglicemia era più alto nelle prime 6 ore dopo l’esercizio mattutino (media, 62%, IC 95%, 36-82,6) rispetto alle prime 6 ore dopo l’esercizio pomeridiano (media, 11,6%, IC 95%, 0- 36). Non ci sono state differenze tra i gruppi rispetto alla percentuale del tempo trascorso nell’intervallo durante il periodo notturno.

“Nel complesso, questi dati dovrebbero essere visti come un altro strumento nella cassetta degli attrezzi, fornendo ai pazienti informazioni sulle diverse opzioni a loro disposizione”, ha detto Yardley. “Risultati come questo sono rilevanti anche nello sviluppo di sistemi a circuito chiuso (pancreas artificiale) per l’uso con pazienti affetti da diabete di tipo 1, poiché l’ora del giorno e l’assunzione di cibo possono alterare le risposte glicemiche all’esercizio fisico”.

Yardley ha detto che sono necessari più studi che esaminino l’impatto delle diverse intensità e della durata dell’esercizio.

“Con l’esercizio di resistenza in particolare, sappiamo molto poco sui diversi tipi di programmi di allenamento, quali alto livello di ripetizione, programmi a bassa resistenza (che possono essere più aerobici) e alta resistenza, bassa ripetizione (allenamento di potenza, allenamento pliometrico) e come questi influenzano i livelli di glucosio nel sangue durante e dopo l’esercizio “, ha detto Yardley. “L’attuale studio ha utilizzato lo stesso protocollo di quelli pubblicati in precedenza, ma ha semplicemente confrontato l’impatto dell’ora del giorno. Studi di intervento a più lungo termine faranno luce sull’efficacia di questi tipi di programmi di allenamento nel mantenimento della massa muscolare e della densità ossea in soggetti con diabete di tipo 1”.