Ricerca

Il microbioma intestinale è il fattore chiave in relazione alle reazioni glicemiche diverse tra individui allo stesso cibo

La ricerca di Viome rivela che l’attività del microbioma intestinale è la chiave per capire perché individui diversi possono avere risposte di zucchero nel sangue opposte allo stesso cibo.

Pubblicità

Con la capacità di analizzare gli effetti delle attività del microbioma intestinale sulla risposta allo zucchero nel sangue di un individuo, Viome compie un altro passo in avanti rivoluzionario nella comprensione del “perché” dietro la nostra unica risposta globale ai cibi che mangiamo. Semplicemente ottimizzando la propria biochimica intestinale attraverso un’alimentazione personalizzata, un alimento, una volta dimostrato che causa una risposta elevata di zucchero nel sangue in un individuo, può alla fine diventare un alimento sicuro da consumare con poca o nessuna risposta.

Mostra l’espressione genica del microbioma intestinale che contribuisce alla variazione individuale delle risposte di zucchero nel sangue allo stesso cibo tra gli adulti di tutte le etnie

Spiega come le attività del microbioma intestinale influiscono sulla risposta della glicemia, fornisce un meccanismo per prevenire e invertire l’epidemia di malattie metaboliche.

SEATTLE , 2 luglio 2019  Viome, un’azienda che trasforma la salute attraverso un’alimentazione personalizzata basata sulla biologia individuale, rilascia oggi i risultati del suo studio di ricerca clinica rivoluzionario  in cui l’azienda ha confrontato il modo nel quale i diversi alimenti influenzano lo zucchero nel sangue a livello individuale . La ricerca dimostra che la risposta glicemica agli alimenti varia notevolmente in base al microbioma intestinale unico di ciascuna persona. 

“Per anni ci è stato insegnato che determinati alimenti sono cattivi o buoni, sani o malsani”, afferma Naveen Jain , CEO e fondatore di Viome. “Questo studio dimostra che non esiste un alimento universale ‘buono’ o ‘sano’ per tutti, è completamente dipendente dalla funzionalità del microbioma intestinale di ciascun individuo. Rimaniamo concentrati sulla comprensione del microbioma umano e del suo potenziale per rendere le malattie croniche semplicemente un questione di scelta e non una questione di sfortuna.” 

Con l’aiuto della sua tecnologia AI all’avanguardia, gli scienziati di Viome hanno confrontato la risposta del glucosio nel sangue di vari individui a molti cibi diversi al fine di determinare gli effetti dell’espressione genica microbica sulla risposta del glucosio nel sangue di un individuo. Il team ha raccolto dati sull’attività del microbioma intestinale misurando la risposta del glucosio nel sangue di oltre 500 adulti di tutte le etnie che hanno consumato più di 30.000 pasti da diete onnivore o vegetariane / senza glutine. I ricercatori di Viome hanno monitorato l’assunzione di cibo, il sonno, l’attività e la risposta al glucosio ogni 15 minuti per 2 settimane. 

È stato ampiamente ipotizzato che tutte le persone debbano sperimentare la stessa risposta allo zucchero nel sangue su specifici alimenti. Ad esempio, cibi come pane, pasta o altri ricchi di carboidrati causano un picco di zucchero nel sangue in tutti questi e cibi come mandorle o mele hanno un effetto minimo o nullo sulla glicemia. Tuttavia, questa ricerca mostra che due persone possono avere risposte radicalmente diverse, anche due risposte opposte, tra due alimenti simili come banane e alcuni tipi di pane, come mostrato nella tabella qui sotto. 

In breve, non è solo il cibo che un individuo mangia, ma le caratteristiche individuali, compreso ciò che il microbioma intestinale fa con il cibo che conta nel determinare quali alimenti sono “sani” per loro. Ottimizzare il microbioma intestinale con raccomandazioni personalizzate basate sull’unicità della biochimica intestinale dell’individuo può svolgere un ruolo essenziale nella prevenzione e nell’inversione delle malattie croniche. 

Viome è orgogliosa di condurre una ricerca così innovativa che utilizza le intuizioni delle attività del microbioma intestinale per comprendere ulteriormente la nutrizione personalizzata. Per saperne di più sullo studio e sui suoi risultati, leggere il post  sul blog sul sito Web di Viome.

Pubblicità

Categorie:Ricerca

Con tag:,