Sport e movimento

La sarcopenia che fa perdere i muscoli è ormai una malattia riconosciuta, ma tutti possiamo proteggerci

La sarcopenia è definita da una perdita di massa muscolare e forza, solitamente associata all’invecchiamento. Ma può essere trattata

Invecchiando, le dimensioni e la forza dei nostri muscoli si deteriorano progressivamente. Questo può influenzare la nostra capacità di svolgere attività quotidiane come alzarsi da una sedia, salire le scale o e portare le borse della spesa ad esempio.

Per alcune persone, lo spreco muscolare diventa più grave, portando a cadute, fragilità, immobilità e perdita di autonomia.

Le persone che subiscono una marcata perdita di massa muscolare, forza e funzionalità possono essere affette da una condizione di degenerazione dei muscoli maggiore, ma scarsamente riconosciuta, chiamata sarcopenia. La sarcopenia è per i nostri muscoli ciò che l’osteoporosi è per le nostre ossa.

La sarcopenia è ora riconosciuta come una malattia dopo essere stata aggiunta all’elenco formale delle patologie in Australia, chiamato ( ICD-10-AM ).

Dato che la condizione può interessare quasi un terzo degli adulti più anziani nella comunità, è giunto il momento che il suo impatto sia riconosciuto e discusso.

La buona notizia è che le persone con sarcopenia possono ricostruire la massa muscolare e la forza attraverso l’allenamento di forza o resistenza e alcune modifiche dietetiche. In realtà, queste sono cose che tutti possiamo fare per proteggerci.

Cosa causa la sarcopenia?

L’invecchiamento sconvolge la capacità del corpo di produrre le proteine necessarie per crescere o mantenere i muscoli. Con l’avanzare dell’età, vengono inviati meno segnali dal cervello ai muscoli, portando ad una perdita della massa e delle dimensioni dei nostri muscoli.

Altre cause di sarcopenia possono includere:

  • Inattività fisica
  • Malnutrizione
  • Cambiamenti negli ormoni come il testosterone e gli ormoni della crescita
  • Infiammazione aumentata
  • La presenza di altre malattie legate all’età

Chi ottiene la sarcopenia?

È stato stimato che la sarcopenia colpisce il 10-30% degli anziani che vivono nella comunità, a seconda dell’età e dell’etnia. Questo aumenta a circa il 40-50 per cento in quelli di età superiore agli 80 anni o che vivono in case di cura e fino al 75 per cento nei ricoveri ospedalieri per i più anziani .

La sarcopenia è più comune nelle persone anziane, ma può verificarsi anche prima nella vita. Nei nostri 40 anni, la massa muscolare e la forza iniziano a declinare, e senza interventi come l’esercizio fisico regolare, questa perdita accelera con l’età. Dall’età di 70 anni, fino a metà della massa muscolare si perde e questa viene spesso sostituito con tessuto grasso e fibroso, in particolare nelle persone che sono inattive.

La sarcopenia è comune nelle persone con altre malattie come il cancro, il diabete di tipo 2, la malattia renale cronica e polmonare ostruttiva cronica. Molti dei farmaci usati per trattare queste condizioni possono contribuire alla sarcopenia, in quanto potrebbero causare uno squilibrio nel metabolismo muscolare e interrompere i percorsi che controllano la massa muscolare.

Tuttavia, poiché molti professionisti della salute hanno scarse conoscenze della sarcopenia e delle sue conseguenze, non considerano né curano necessariamente l’atrofia muscolare legata all’età, alla dieta o ai farmaci.

La "sarcopenia" condizione di deperimento muscolare è ormai una malattia riconosciuta.  Ma possiamo proteggerci tutti
A sinistra, un muscolo della coscia giovane e sano. A destra, un muscolo della coscia affetto da sarcopenia.

Conseguenze della sarcopenia

Il muscolo scheletrico è il più grande organo del corpo, che costituisce circa il 40% del peso corporeo. È essenziale per il movimento e le funzioni metaboliche come la regolazione dei livelli di glucosio nel sangue. Quindi non è sorprendente che la sarcopenia sia legata a molti effetti avversi sulla salute.

La sarcopenia è stata associata a mobilità ridotta, osteoporosi, cadute, fratture, fragilità, esiti negativi dopo l’intervento chirurgico, ricoveri ospedalieri, compromissione della qualità della vita e morte prematura.

Trattamento della sarcopenia

Non ci sono attualmente farmaci approvati per trattare la sarcopenia, e la ricerca per identificare nuovi farmaci è stata inconcludente. L’approccio più efficace che abbiamo è la resistenza o l’allenamento della forza , che dovrebbe essere fatto almeno due volte a settimana in combinazione con un intervento nutrizionale (arricchito con proteine).

Il muscolo scheletrico ha una notevole capacità di adattarsi e rigenerarsi in risposta al carico. Guadagni in massa muscolare del 5-10 percento e miglioramenti della forza muscolare o potenza del 30-150 percento sono stati osservati dopo 12 settimane di allenamento di resistenza , anche in pazienti anziani e in ospedale e anziani molto vecchi. Questo equivale a riconquistare la massa muscolare persa nell’arco di un decennio.

Ognuno risponderà all’esercizio di resistenza se è prescritto in modo appropriato, ma meno del 15% degli australiani più anziani partecipa ad un allenamento di resistenza bisettimanale.

fisiologi degli esercizi accreditati sono nella posizione migliore per prescrivere e fornire programmi di allenamento basati sull’evidenza per le persone anziane e quelle con malattie croniche inclusa la sarcopenia.

Anche i fattori nutrizionali, come le proteine, sono importanti per il mantenimento dei muscoli, in particolare nei pazienti più anziani che potrebbero essere malnutriti. Per garantire un’adeguata assunzione di proteine ogni giorno, la maggior parte delle persone dovrebbe mirare a uno a tre servizi di carne magra, pollame, pesce / frutti di mare, uova, noci / semi o legumi.

La bassa presenza di vitamina D è anche collegata alla debolezza e alle cadute muscolari. L’esposizione alla luce solare è il modo principale per ottenere la vitamina D, ma se del caso, un medico può raccomandare un supplemento di vitamina D.

Andando avanti

Il riconoscimento della sarcopenia come malattia distinta in Australia è fondamentale per aumentare la consapevolezza della condizione tra gli operatori sanitari e la comunità più ampia.

Una maggiore consapevolezza porterà a un trattamento di routine migliore per le persone con sarcopenia. Ad esempio, un medico generico che identifica un paziente con sarcopenia può riferirlo a un fisiatra nell’ambito di un piano di gestione della malattia cronica, che comprende fino a cinque sessioni con sconti Medicare con un professionista sanitario di supporto in un anno solare.

Più in generale, il riconoscimento è un passo essenziale se vedremo cambiamenti nella politica di salute pubblica. Consentirà la raccolta di dati più rigorosi sulla prevalenza della sarcopenia e aprirà la strada a ulteriori risorse da destinare alla prevenzione.

In questo momento, la più grande sfida nel campo è la diagnosi accurata e coerente della condizione. Il tipo di valutazioni per la massa muscolare, la forza e la funzione utilizzate per diagnosticare la sarcopenia continuano a essere dibattute. Dobbiamo progredire verso una singola definizione internazionale che includa criteri regionali ed etnici specifici.

Autori:

  1. Robin Daly

    Professore di Fisiatria e Geriatria, Istituto per l’attività fisica e la nutrizione, Deakin University, Deakin University

  2. Andrea B. Maier

    Professore di medicina e cure per gli anziani, Melbourne Health

Categorie:Sport e movimento, Terapie

Con tag: