Counseling/consulenze

I diabetici che provano empatia da medico di base hanno un minore rischio di mortalità

Uno studio del Regno Unito, progettato per esaminare l’associazione tra empatia e incidenza delle malattie cardiovascolari e mortalità per tutte le cause tra i pazienti affetti da diabete di tipo 2, ha rilevato come quei pazienti che hanno sperimentato una maggiore empatia nell’anno successivo alla diagnosi ricavavano benefici dagli esiti clinici a lungo termine.

Utilizzando il questionario di consultazione e empatia relazionale (CARE), che misura l’esperienza di cura dei pazienti con particolare attenzione all’empatia, un punteggio numerico per 628 partecipanti di 49 studi generali in East Anglia, Regno Unito, è stato calcolato 12 mesi dopo la diagnosi. 

I pazienti che riportavano migliori esperienze di empatia avevano un rischio più basso (40-50%) di mortalità per tutte le cause nei successivi 10 anni rispetto a quelli che riportavano una scarsa empatia professionale. Mentre la medicina si muove sempre più verso la precisione,

Associazione tra l’empatia del professionista dell’assistenza primaria e il rischio di eventi cardiovascolari e la mortalità per tutte le cause tra i pazienti con diabete di tipo 2: uno studio prospettico di coorte basato sulla popolazione.