Terapie

L’obesità dovrebbe essere riconosciuta come una malattia?

Con l’obesità che ora colpisce quasi un terzo (29%) della popolazione in Inghilterra, e si prevede salirà al 35% entro il 2030, dovremmo ora riconoscerla come una malattia? Gli esperti discutono la questione oggi su The BMJ.

Pubblicità

L’obesità, in cui il grasso corporeo in eccesso si è accumulato a tal punto che la salute può essere influenzata negativamente, soddisfa la definizione del dizionario di malattia, sostengono il professor John Wilding all’Università di Liverpool e Vicky Mooney, in rappresentanza della Coalizione europea per le persone che vivono con l’obesità (ECPO).

Sottolineano che più di 200 geni influenzano il peso e la maggior parte di questi sono espressi nel cervello o nel tessuto adiposo. “Così il peso corporeo, la distribuzione del grasso e il rischio di complicazioni fortemente influenzati dalla biologia – non è colpa di un individuo se sviluppa l’obesità”.

Sostengono che il recente rapido aumento dell’obesità non è dovuto alla genetica, ma a un ambiente alterato (disponibilità di cibo e costi, ambiente fisico e fattori sociali).

Tuttavia, l’opinione diffusa è che l’obesità è auto-inflitta ed è interamente responsabilità dell’individuo fare qualcosa al riguardo, mentre i professionisti sanitari sembrano male informati sulla complessità dell’obesità e su ciò che i pazienti con obesità vogliono.

Riconoscere l’obesità come una malattia cronica con complicanze gravi piuttosto che una scelta di vita “dovrebbe aiutare a ridurre lo stigma e la discriminazione vissuta da molte persone con la grassezza”, aggiungono.

Non sono d’accordo sul fatto che etichettare un’alta percentuale della popolazione come malata rimuova la responsabilità personale o possa sopraffare i servizi sanitari, sottolineando che altre malattie comuni , come l’ipertensione e il diabete, richiedono alle persone di agire per gestire la loro condizione.

Suggeriscono che la maggior parte delle persone con obesità finirà per sviluppare complicazioni, e coloro che non lo fanno potrebbero essere considerati senza una malattia. “Ma se non accettiamo che l’obesità è una malattia, non saremo in grado di arginare l’epidemia“, concludono.

Ma il dott. Richard Pile, un medico di famiglia con un interesse speciale in cardiologia e facente parte del Clinical Leading for Prevention for Herts Valleyys Clinical Commissioning Group, sostiene come l’adozione di questo approccio “potrebbe in realtà comportare esiti peggiori per gli individui e la società”.

Crede che la definizione del dizionario di malattia “sia così vaga che possiamo classificare quasi tutto come una malattia” e la domanda non è se possiamo, ma se dovremmo, e fino a che punto.

Se etichettare l’obesità come una malattia fosse innocuo, allora non avrebbe davvero importanza, scrive. Ma etichettare l’obesità come una malattia “rischia di ridurre l’autonomia, indebolisce e deruba le persone della motivazione intrinseca che è un fattore così importante per il cambiamento”.

C’è un’importante differenza psicologica tra l’avere un fattore di rischio di cui si ha la responsabilità, il controllo e l’avere una malattia di cui qualcun altro è responsabile del trattamento, dice.

Inoltre, rendere l’obesità una malattia “potrebbe non essere di beneficio ai pazienti, ma andrà a favore degli operatori sanitari e dell’industria farmaceutica quando l’assicurazione sanitaria e le linee guida cliniche promuoveranno il trattamento con farmaci e chirurgia”, avverte.

Mentre l’autodeterminazione è fondamentale per consentire il cambiamento, “dovremmo riconoscere che le origini dell’obesità per la maggior parte delle persone sono sociali, e anche la soluzione lo è”, aggiunge. “Se le persone si incontrano, fanno acquisti, cucinano, mangiano e si impegnano in attività insieme, il risultato finale sarà di migliorare il benessere e ridurre l’obesità con un effetto collaterale vantaggioso.”

Classificare l’obesità come una malattia non è né essenziale né benefico. È molto più complicato di così, conclude.

Pubblicità

Categorie:Terapie

Con tag: