Vista e dintorni

L’onere dei disturbi oculari negli adulti con diabete tipo 1

I disturbi dell’occhio colpiscono frequentemente gli adulti di età pari o superiore a 45 anni con diabete diagnosticato, e sono più comuni per quelli con diabete diagnosticato da oltre 10 anni, secondo una nota di luglio pubblicata dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie Centro nazionale per le statistiche sanitarie.

Amy E. Cha, Ph.D., MPH, del National Center for Health Statistics di Hyattsville, Maryland, e colleghi hanno confrontato le percentuali corrette per età degli adulti di 45 anni e oltre con diabete diagnosticato con cataratta, retinopatia diabetica, glaucoma, o degenerazione maculare e perdita della vista associata da anni con la diagnosi di diabete.

I ricercatori hanno scoperto che il 32,2, 8,6, 7,1 e 4,3 per cento degli adulti di età pari o superiore a 45 anni con diabete diagnosticato presentavano cataratta, retinopatia diabetica, glaucoma e degenerazione maculare, rispettivamente. Complessivamente, il 9,2, 4,1, 2,2 e 2,1 per cento ha avuto una perdita della vista a causa di cataratta, retinopatia diabetica, degenerazione maculare e glaucoma, rispettivamente. Gli adulti con diabete diagnosticato per 10 anni o più avevano più probabilità di avere ciascuno di questi disturbi oculari e una perdita della vista a causa di cataratta, retinopatia diabetica e degenerazione maculare rispetto agli adulti con diagnosi di diabete da meno di 10 anni.

“Poiché i disturbi dell’occhio sono una frequente complicanza del diabete, l’American Diabetes Association raccomanda che i pazienti con diabete di tipo 1 abbiano un esame completo da parte di un oculista o optometrista entro cinque anni dalla diagnosi del diabete”, scrivono gli autori.