Mangiare

Biomarcatore di malattie cardiache legato alla dieta paleo

Dr. Angela Genoni della Edith Cowan University

Le persone che seguono la dieta paleo hanno il doppio della quantità di un importante biomarcatore del sangue collegato strettamente alle malattie cardiache, ha rilevato il primo studio al mondo che esamina l’impatto della dieta sui batteri intestinali.

I ricercatori della Edith Cowan University (ECU) hanno confrontato 44 persone su dieta paleo con 47 con dieta tradizionale australiana.

La ricerca, pubblicata sull’European Journal of Nutrition, ha misurato la quantità di trimetilammina-n-ossido (TMAO) nel sangue dei partecipanti.

Alti livelli di TMAO, un composto organico prodotto nell’intestino, sono associati ad un aumentato rischio di malattie cardiache, che uccide un australiano ogni 12 minuti.

Impatto sulla salute dell’intestino

La controversa dieta Paleo (o del “cavernicolo”) è composta da carne, verdure, frutta secca e frutta,  limitando, escludendo cereali, legumi, latticini, sale, zucchero raffinato e oli lavorati.

La ricercatrice capo Angela Genoni ha detto che con la crescente popolarità della dieta, era importante capire l’impatto che potrebbe avere sulla salute generale.

“Molti fan della dieta Paleo sostengono che la dieta è benefica per la salute dell’intestino, ma questa ricerca suggerisce che quando si tratta della produzione di TMAO nell’intestino, la dieta Paleo potrebbe avere un impatto negativo in termini di salute del cuore”, ha detto.

“Abbiamo anche scoperto che le popolazioni di specie batteriche benefiche erano inferiori nei gruppi paleolitici, associati all’assunzione ridotta di carboidrati, questo può avere conseguenze per altre malattie croniche a lungo termine”.

Assunzione ridotta di cereali integrali è il punto da incolpare

Ha detto che la ragione per cui la TMAO era così elevata nelle persone con la dieta Paleo sembrava essere la mancanza di cereali integrali nella loro dieta.

“Abbiamo scoperto come la mancanza di cereali integrali era associata ai livelli di TMAO, che possono fornire un collegamento tra il ridotto rischio di malattie cardiovascolari presenti in popolazioni con alte prese di cereali integrali”, ha detto.

I ricercatori hanno anche trovato concentrazioni più elevate dei batteri che producono TMAO nel gruppo Paleo.

“La dieta Paleo esclude tutti i cereali e sappiamo che i cereali integrali sono una fantastica fonte di amido resistente e molte altre fibre fermentabili e sono vitali per la salute del tuo microbioma intestinale”, ha detto la dott. Genoni.

“Poiché il TMAO è prodotto nell’intestino, la mancanza di cereali integrali potrebbe modificare le popolazioni di batteri in misura sufficiente a consentire una maggiore produzione di questo composto.

“Inoltre, la dieta Paleo include più porzioni al giorno di carne rossa, che fornisce i composti precursori per produrre TMAO, e seguaci Paleo consumato il doppio del livello raccomandato di grassi saturi:  motivo di preoccupazione.

La dott.ssa Angela Genoni ha inizialmente presentato i suoi risultati alla Conferenza della Società della Nutrizione in Australia l’anno scorso. Questa è la prima volta che i risultati sono stati pubblicati in una rivista peer-reviewed.

Categorie:Mangiare

Con tag:,