Mangiare

Diete a base vegetale efficaci per la prevenzione del diabete di tipo 2

L’aderenza a un modello dietetico a base vegetale ha ridotto il rischio di diabete di tipo 2, suggerendo che potrebbe svolgere un ruolo nella prevenzione primaria, secondo uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine .

“I modelli dietetici a base vegetale, che enfatizzano gli alimenti derivati ??da fonti vegetali e includono un minore consumo o esclusione di prodotti animali, negli ultimi anni hanno guadagnato notevole attenzione per il loro potenziale di prevenzione o gestione di alcune importanti malattie croniche, tra cui il diabete di tipo 2, malattia  cardiovascolare e cancro “, Frank Qian, MPH,del dipartimento di nutrizione della Harvard TH Chan School of Public Health di Boston, e alcuni colleghi hanno scritto. “Mentre le meta-analisi di studi clinici hanno dimostrato effetti benefici di schemi alimentari vegetali o vegani sul peso corporeo, sul controllo glicemico e sui fattori di rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete di tipo 2, se le diete a base vegetale hanno un ruolo nella prevenzione primaria di il diabete di tipo 2 non è chiaro.”

Per valutare l’associazione tra schemi dietetici a base vegetale e il rischio per il diabete di tipo 2, i ricercatori hanno condotto una meta-analisi di nove studi prospettici osservazionali incentrati sul livello di aderenza alle diete a base vegetale e sull’incidenza del diabete di tipo 2 (per un totale di 307.099 partecipanti e 23.544 casi di diabete di tipo 2).

Le diete a base vegetale sono state definite come aventi un consumo più elevato di alimenti a base vegetale e un consumo o un’esclusione più bassi di alimenti a base animale. I ricercatori hanno anche tenuto conto delle differenze nei modi in cui vari studi hanno classificato l’aderenza alle diete a base vegetale (ad esempio, considerando solo le diete salutari a base vegetale, compreso l’elevato consumo di frutta / verdura e cereali integrali o quelli che includevano cibi vegetali meno salutari, come cereali raffinati o amidi).

I ricercatori hanno osservato un’associazione significativa inversa tra maggiore aderenza ad un modello dietetico a base vegetale e rischio per il diabete di tipo 2 (RR = 0,77, IC 95%, 0,71-0,84) rispetto ad una scarsa aderenza.

Questo risultato è stato coerente in vari sottogruppi di diverse caratteristiche della popolazione, come età, sesso, indice di massa corporea o regione globale.

I ricercatori hanno anche scoperto che, sebbene l’associazione rimanesse indipendentemente da come fosse definita la dieta a base vegetale, l’associazione era maggiore quando la dieta includeva più frutta, verdura, cereali integrali, legumi e noci.

“Il presente studio fornisce la prova più completa sull’associazione tra schemi alimentari a base vegetale e l’incidenza del diabete di tipo 2”, hanno scritto i ricercatori. “Inoltre, i nostri risultati relativi a modelli dietetici a base di piante sono sostanzialmente coerenti con le associazioni protettive contro il diabete di tipo 2 riscontrate per diversi altri modelli alimentari che enfatizzano anche i cibi a base vegetale ma non escludono completamente i cibi animali, incluso il modello alimentare mediterraneo, gli approcci dietetici per fermare l’ipertensione (DASH) e l’indice di alimentazione sana alternativa. Complessivamente, la totalità delle prove attuali supporta benefici per la salute per l’aumento del consumo di alimenti a base di piante nel ridurre il rischio di diabete di tipo 2 e, potenzialmente, di altre malattie cardiometaboliche.