Mangiare

Gli adolescenti che saltano la colazione possono sviluppare obesità

Questo studio ha analizzato i comportamenti associati all’aumento di peso e al rischio cardiometabolico negli adolescenti. Saltare il primo pasto della giornata può contribuire allo sviluppo di abitudini e comportamenti malsani.

Un articolo pubblicato su Scientific Reports descrive come i ricercatori affiliati alla Scuola medica dell’Università di San Paolo (FM-USP) in Brasile e icolleghi delle istituzioni europee hanno valutato i comportamenti che portano all’aumento di peso negli adolescenti. L’obesità infantile può favorire l’emergere prematuro di problemi di salute come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari.

La scoperta principale è che saltando la colazione, un’abitudine comune tra gli adolescenti, si correla direttamente con l’aumento della circonferenza della vita e dell’indice di massa corporea in questa fascia di età. L’abitudine può portare ad una dieta squilibrata e ad altri comportamenti non salutari, rendendo potenzialmente gli adolescenti vulnerabili all’aumento di peso .

“Abbiamo scoperto che saltare la colazione è associato ai marcatori di adiposità negli adolescenti, indipendentemente da dove vivono e quanto dormono, o se sono maschi o femmine”, ha detto l’epidemiologa Elsie Costa de Oliveira Forkert, un membro del Gruppo di ricerca sul rischio cardiovascolare e ambientale (YCARE) nel dipartimento di medicina preventiva di FM-USP.

“Saltando la colazione, milioni di bambini e adolescenti in tutto il mondo stanno probabilmente sostituendo un pasto più sano fatto in casa, compresi prodotti caseari, cereali integrali e frutta con fast food in un luogo sulla strada per la scuola o nella scuola stessa” afferma Forkert.

“Questo in genere significa consumare cibi ipercalorici industrializzati a basso valore nutrizionale, come snack fritti, pasticcini, bibite e altre bevande zuccherate, che sono tutti direttamente associati allo sviluppo dell’obesità”.

Lo studio faceva parte della ricerca post-dottorato di Forkert, sostenuta dalla Fondazione di ricerca São Paulo – FAPESP . Hanno collaborato scienziati di istituzioni austriache, belghe, tedesche, greche, italiane e spagnole.

Analizzando i dati di due importanti indagini condotte in Europa e in Brasile, gli scienziati hanno valutato l’associazione tra comportamenti legati all’equilibrio energetico nell’adolescenza e marcatori di adiposità totale e addominale.

I dati europei provengono dallo studio trasversale “Healthy Lifestyle in Europe by Nutrition in Adolescence” (HELENA-CSS, 2006-07), che ha coinvolto 3.528 adolescenti in dieci grandi città. I soggetti avevano tra 12,5 anni e 17,5 anni di età e sono stati stratificati per età, sesso, regione e stato socioeconomico. Maschi e femmine rappresentavano circa la metà della popolazione dello studio ciascuno (47,7% e 52,3%, rispettivamente). L’investigatore principale era Luis Alberto Moreno, professore alla Scuola di Scienze Sanitarie dell’Università di Saragozza in Spagna.

I dati brasiliani provengono da un sondaggio intitolato “Brazilian Cardiovascular Adolescent Health” (BRACAH). Utilizzando una metodologia simile, questo sondaggio è stato condotto nel 2007 a Maringá, la terza città più grande dello stato del Paraná. Coinvolse 991 adolescenti di età compresa tra i 14 ei 18 anni. I maschi rappresentavano il 45,5% e le donne rappresentavano il 54,5% della popolazione studiata. Gli adolescenti sono stati valutati per fattori di rischio cardiovascolare e comportamenti relativi alla salute.

Il principale investigatore per questo sondaggio è stato Augusto Cesar Ferreira de Moraes , professore nel Dipartimento di epidemiologia della Public Health School dell’Università di San Paolo (FSP-USP).

Il nuovo studio ha analizzato il peso, l’altezza e i dati dell’indice di massa corporea come indicatori dell’obesità generale e della circonferenza della vita e del rapporto altezza-vita come indicatori dell’obesità addominale.

“I comportamenti relativi all’equilibrio energetico sono stati misurati mediante un questionario che copre i livelli di attività fisica a scuola oa casa, durante il tempo libero o durante il pendolarismo, ecc. Circa 60 o più minuti al giorno di attività fisica da moderata a vigorosa sono stati considerati adeguati. è stato considerato insufficiente “, ha detto Forkert.

Secondo Forkert, i comportamenti sedentari sono stati analizzati in termini di tempo abituale davanti allo schermo (televisione, computer, videogiochi) e ai soggetti è stato chiesto di specificare quante ore di solito dormivano nei giorni feriali e nei fine settimana.

È stato applicato un questionario separato per esplorare gli atteggiamenti e le preoccupazioni riguardanti le scelte alimentari, le preferenze, le abitudini alimentari sane e lo stile di vita e ha incluso una domanda specifica sulla colazione che chiedeva ai soggetti di essere d’accordo o in disaccordo (più o meno fortemente su una scala da 1 a 7) con la frase “Salto spesso la colazione”.

Gli scienziati hanno utilizzato i dati di questi sondaggi per indagare se gli adolescenti che hanno saltato la colazione avessero in media più marcatori di adiposità rispetto a quelli che non lo facevano.

“Tra tutti i comportamenti relativi all’equilibrio energetico analizzati, la correlazione più forte è stata tra saltare la colazione e i livelli medi aumentati dei marcatori dell’obesità”, ha detto Forkert.

Abitudini sedentarie e più calorie

I dati di entrambi i sondaggi europei e brasiliani hanno mostrato che gli adolescenti maschi erano in media più pesanti e più alti e avevano circonferenze della vita più ampie rispetto alle femmine.

“Per i ragazzi che hanno saltato la colazione, la circonferenza della vita media era di 2,61 cm più grande in Europa e di 2,13 cm più grande in Brasile rispetto a quella dei ragazzi che di solito facevano colazione”, ha detto Forkert.

“D’altro canto, quando abbiamo osservato come il tempo del sonno influenzava l’associazione tra gli altri comportamenti e i marcatori dell’obesità, abbiamo riscontrato che l’indice di massa corporea medio per i ragazzi europei e brasiliani che saltavano la colazione era di 1,29 kg / m² e di 1,69 kg / più alti, rispettivamente, di quelli che facevano colazione, anche quando dormivano abbastanza [otto ore o più al giorno] “.

Per i ragazzi europei e brasiliani, saltare la colazione era il comportamento predominante legato al bilancio energetico correlato positivamente con gli indicatori dell’obesità come l’indice di massa corporea, la circonferenza della vita e il rapporto altezza-vita.

“Lo stesso valeva per le ragazze europee: la colazione saltata era correlata positivamente all’obesità totale e addominale anche quando il tempo di sonno era adeguato”, ha affermato Forkert. “Ad esempio, la circonferenza della vita media è aumentata di 1,97 cm e il rapporto altezza-vita era di 0,02 in più”.

In Brasile, le ragazze erano più sedentarie dei ragazzi. In Europa, le abitudini sedentarie prevalevano meno tra le ragazze che tra i ragazzi, ma le ragazze erano anche meno attive fisicamente, sebbene fossero più dei ragazzi brasiliani. I comportamenti sedentari di queste ragazze (più di due ore al giorno) hanno comportato un aumento della circonferenza della vita (1,20 m in media), anche quando il tempo di sonno era adeguato.

“Tuttavia, tra i ragazzi brasiliani che dormivano meno di otto ore al giorno, meno sonno era protettivo per l’obesità totale, che in media era diminuita di 0,93 kg / m²”, ha detto Forkert.

“Gli adolescenti con abitudini più sedentarie che passavano più tempo a guardare la televisione, usare un computer o giocare ai videogiochi probabilmente avevano una dieta squilibrata e consumavano cibi malsani mentre guardavano la televisione o giocavano”, ha aggiunto, anche se tali comportamenti non sono stati studiati nella ricerca. “I comportamenti sedentari associati a un consumo calorico relativamente alto portano direttamente all’obesità”.