Ricerca

Interventi per il diabete di tipo 2 riusciti in tutto il panorama genetico

Dato che il numero di persone con diabete di tipo 2 è salito all’8,8 per cento della popolazione entro il 2017, un crescente movimento per la salute pubblica ha cercato di sapere se personalizzare le raccomandazioni dietetiche su specifici profili genetici potrebbe aiutare a ridurre il rischio della malattia in soggetti sensibili. Un team di ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) ha ora scoperto che la qualità del grasso alimentare consumato e il rischio genetico del diabete funzionano indipendentemente l’uno dall’altro e che una dieta ricca di grassi polinsaturi può essere applicata in modo sicuro attraverso lo spettro di rischio genetico del diabete tipo 2.

“La nostra meta-analisi mostra su una scala mai fatta prima che non vi è alcuna necessità apparente di preoccuparsi del rischio genetico per informare le raccomandazioni dietetiche sane per le persone con diabete di tipo 2”, afferma Jordi Merino, RD, Ph.D., del MGH Diabetes Unit e Center for Genomic Medicine, e corrispondente autore dello studio pubblicato online su BMJ . “Ciò significa che lo stile di vita o gli interventi dietetici per la prevenzione del diabete di tipo 2 possono essere distribuiti su tutti i gradienti di rischio genetico poiché il carico genetico non sembra ostacolarne l’efficacia”.

Le raccomandazioni volte a migliorare la qualità della dieta sono diventate parte integrante dello sforzo mondiale di sanità pubblica per arginare la crescita dilagante del diabete. I ricercatori di MGH hanno scoperto che, indipendentemente dal rischio genetico, il consumo di più grassi polinsaturi (come gli acidi grassi omega 3 e omega 6) al posto dell’amido e degli zuccheri raffinati è associato a un minor rischio di diabete di tipo 2, mentre si consumano più grassi monoinsaturi di carboidrati è associato a un rischio più elevato di malattia metabolica. In Nord America, i grassi monoinsaturi derivano in genere da fonti animali di cibo come carne rossa, latticini e latticini grassi.

Merino sottolinea un’altra importante scoperta dello studio che trascende il problema del grasso alimentare. “L’ associazione positiva tra punteggi poligenici e diabete di tipo 2 che abbiamo riportato riconosce il fatto che le persone a rischio genetico più elevato potrebbero beneficiare di strategie aggiuntive che non hanno nulla a che fare con l’assunzione di grassi nella dieta”, afferma.

Lo studio MGH ha incluso oltre 102.000 partecipanti di origine europea che erano liberi dal diabete al basale. Queste persone sono state selezionate da 15 studi di coorte e seguite per 12 anni. Nel trovare nessuna interazione apprezzabile tra componenti dietetici e geni di tipo 2 per aumentare il rischio del diabete, l’analisi concorda con il Programma nazionale di prevenzione del diabete che ha dimostrato come la modifica dello stile di vita è efficace indipendentemente dal carico genetico per il diabete di tipo 2. I risultati dell’MGH sono anche coerenti con le recenti evidenze sulla malattia coronarica, che hanno portato a uno stile di vita sano e ai regimi dietetici promossi in tutto il panorama genetico.

L’immagine è in qualche modo diversa con l’obesità, tuttavia, dove prove crescenti hanno dimostrato che un’alimentazione malsana o alcuni modelli di stile di vita come zucchero, bevande zuccherate, cibi fritti e inattività fisica potrebbero interagire con la suscettibilità genetica per elevare l’indice di massa corporea (BMI). Cercando di spiegare la dicotomia, Merino afferma: “La complessità metabolica del diabete di tipo 2 e delle malattie coronariche può spiegare la mancanza di interazione tra i fattori dello stile di vita e il background genetico”.

Categorie:Ricerca

Con tag:,