Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

La terapia con pompa insulinica favorisce il profilo lipidico nel diabete di tipo 1 durante l’infanzia

Gli adolescenti con diabete di tipo 1 che usano la terapia con microinfusore per insulina hanno livelli più bassi di colesterolo LDL e non-HDL insieme a livelli più alti di colesterolo HDL rispetto a quelli che usano la terapia di iniezione, secondo i risultati pubblicati in Diabetic Medicine.

Pubblicità

“Sebbene sia stato riscontrato che il trattamento con pompa ha un effetto benefico sugli esiti metabolici e questo è persino associato a una bassa mortalità cardiovascolare, l’effetto del tipo di trattamento (pompa vs. iniezioni) sul profilo lipidico dei bambini con diabete di tipo 1 non + ha ancora stato studiato in dettaglio “, Ioanna Kosteria MD, MSc, del centro per il diabete nella divisione di endocrinologia, diabete e metabolismo del primo dipartimento di pediatria presso la Scuola medica nazionale e Kapodistrian di Atene presso l’Ospedale pediatrico Aghia Sophia di Atene, Grecia e colleghi hanno scritto.

Dati provenienti da un migliore controllo del diabete pediatrico e adolescenziale: lavorare per creare centri di riferimento o SWEET, database ha fornito a Kosteria e ai colleghi informazioni mediche pertinenti relative a 14.290 bambini di età pari o inferiore a 18 anni (età media, 15,39 anni; 48% ragazze) . Tutti i partecipanti hanno avuto il diabete di tipo 1 da almeno 1 anno e preso parte a esami medici in siti di studio in Nord America, Sud America, Asia, Australia ed Europa, secondo i ricercatori. Dai dati del database, Kosteria e colleghi sono stati in grado di valutare i livelli di colesterolo LDL e HDL e le preferenze di consegna dell’insulina.

Il livello medio di colesterolo LDL era di 2,3 mmol / L per coloro che utilizzavano la terapia con pompa per insulina, questi costituivano il 51% della popolazione in studio, rispetto a 2,39 mmol / L per coloro che usavano la terapia con iniezione ( P <.0001). I livelli erano simili dopo aggiustamento per la dose di insulina (2,38 mmol / L contro 2,43 mmol / L; P <0,0001). Gli utenti di pompe avevano anche un livello medio di colesterolo non HDL inferiore rispetto agli utenti di iniezione (2,7 mmol / L contro 2,77 mmol / L; P <0,0001), anche dopo tutte le regolazioni (2,8 mmol / L contro 2,87 mmol / L; P <.0001). Al contrario, i livelli di colesterolo HDL erano in media più alti per quelli che usano la terapia con pompa rispetto a quelli che usano la terapia di iniezione (1,55 mmol / L contro 1,5 mmol / L; P <0,0001).

Il 41% dei partecipanti che hanno utilizzato la terapia di iniezione aveva un livello di LDL di almeno 2,6 mmol / L – che i ricercatori hanno usato per indicare la dislipidemia – rispetto al 36% dei partecipanti alla terapia con pompa ( P <.0001). In effetti, gli utenti di pompe avevano quasi il 10% in meno di probabilità rispetto agli utenti con iniezione di avere un colesterolo LDL così elevato in modelli completamente aggiustati che includevano considerazioni sulla dose di insulina (OR = 0,906; IC al 95%, 0,83-0,99).

La dislipidemia è stata identificata in alternativa da un livello non HDL di almeno 3,1 mmol / L e questa misura è stata raggiunta dal 34% degli utenti dell’iniezione e dal 30% degli utenti della pompa ( P <.0001), con gli utenti della pompa in meno del 13% probabilità di avere dislipidemia in modelli completamente aggiustati (OR = 0,87; IC al 95%, 0,79-0,95).

Inoltre, i livelli di colesterolo totale erano almeno 5,2 mmol / L nel 19% dei partecipanti che utilizzavano la terapia di iniezione e il 16% dei partecipanti che utilizzavano la terapia con pompa ( P <.0001) mentre una percentuale inferiore di utenti di pompe aveva un livello di colesterolo HDL 1 mmol / L o meno rispetto agli utilizzatori di iniezione (6% vs. 9%; P <.0001).

“La ricerca di un profilo lipidico favorevole con la terapia con pompa in questa analisi trasversale dei dati del registro richiede ulteriori analisi per potenziali meccanismi. È possibile che le caratteristiche dei bambini con accesso alla terapia con pompa siano diverse da quelli che non accedono alla terapia con pompa ”, hanno scritto i ricercatori. “Sono necessari ulteriori studi per confermare le nostre osservazioni ed esplorare le potenziali cause della relazione osservata tra trattamento della pompa e profili lipidici favorevoli”. 

Pubblicità