Ricerca

L’erba medicinale indiana incapsulata mostra proprietà antidiabetiche nei topi

Gli estratti dell’erba Withania coagulans , o Paneer dodi, sono usati nella medicina tradizionale indiana. Sebbene alcuni guaritori affermino che W. coagulans può aiutare a curare il diabete, la pianta dal sapore amaro non è stata studiata ampiamente dagli scienziati. Ora, i ricercatori hanno scoperto che gli estratti di erbe confezionati in polimeri derivati ??da sostanze naturali possono ridurre i livelli di glucosio nel sangue dei topi diabetici. Riportano i loro risultati in ACS Omega.

Le medicine alternative stanno diventando sempre più popolari per il trattamento delle malattie croniche, principalmente a causa della percezione delle persone che i farmaci a base vegetale sono meno tossici e con meno effetti collaterali. Tuttavia, non è sempre così, e anche le cosiddette terapie “naturali” devono essere attentamente testate per verificarne l’efficacia, la tossicità dose-dipendente e le interazioni con altri farmaci. Inoltre, gli scienziati devono trovare modi per consegnare efficacemente le medicine nel corpo in modo controllato. Molti estratti di piante, come W. coagulans, sono amari e sgradevoli alle dosi necessarie per avere effetti benefici. Inoltre, se assunti per via orale, i componenti medicinali negli estratti vegetali sono spesso distrutti dalle condizioni acide dello stomaco. Quello che si estrae da W. coagulans lo si compone in un sistema di consegna basato su componenti naturali che potrebbero trasportare in sicurezza l’estratto nell’intestino tenue, dove il carico verrebbe rilasciato e assorbito.

Dalle bacche di W. coagulans , il team ha estratto i composti steroidi vegetali che aumentavano la secrezione di insulina da parte delle cellule pancreatiche del topo. I ricercatori hanno incapsulato gli steroidi nelle nanoparticelle di chitosano a base di esoscheletri di molluschi e hanno ricoperto le particelle di amido, ritardando il rilascio dell’estratto di erbe in condizioni acide. Infine, i topi diabetici che hanno nutrito le nanoparticelle per 5 giorni mostravano livelli di glucosio nel sangue inferiori del 40% circa rispetto alle loro quantità iniziali. Sorprendentemente, anche 5 giorni dopo la fine del trattamento, i topi hanno mostrato una riduzione del 60% della glicemia rispetto ai loro livelli iniziali. Questo effetto potrebbe derivare dalla capacità del sistema di rilascio prolungare degli estratti per un lungo periodo di tempo, affermano i ricercatori.