Educazione

Screening dei bambini per gli anticorpi associati al diabete di tipo 1 nelle giornate sanitarie comunitarie e per la Giornata Mondiale del Diabete

L’incidenza del diabete di tipo 1 (T1D) è in aumento, in particolare nei bambini piccoli e nelle minoranze razziali ed etniche. Storicamente, lo screening per il rischio con anticorpi associati a T1D è stato limitato a quelli con una storia familiare, mentre fino al 90% dei pazienti di nuova diagnosi non ha una tale traccia familiare. Per rispondere alle esigenze di screening di diversi gruppi etnici nella popolazione generale, i medici diabetologi e ricercatori del Barbara Davis Center for Diabetes, Aurora, CO, University of Colorado School of Medicine, Aurora, Colorado, USA hanno esaminato i bambini alla ricerca di anticorpi associati a T1D nell’area metropolitana di Denver, Colorado, nel corso delle giornate sanitarie comunitarie e per la Giornata Mondiale del Diabete.

Ai bambini che hanno partecipato a tali eventi dal 2015 al 2018 è stato offerto uno screening T1D gratuito misurando i quattro prototipi di anticorpi associati a T1D. È stata eseguita una puntura capillare al dito raccogliere macchie di sangue sulla carta da filtro. Le macchie di sangue secco sono state eluite e gli anticorpi misurati usando saggi di radio-associazione in fase fluida.

Nel corso do 39 giornate sanitarie comunitarie e per la Giornata Mondiale del Diabete, i bambini sono stati educati sui segni e sui sintomi del diabete e sottoposti a screening per gli anticorpi associati al T1D (n = 478), che rappresentavano il 90% di quelli che hanno partecipato. L’età media era di 9,0 anni (intervallo 1-18) con origini etniche diverse: 37% ispanico, 31% caucasico, 20% afroamericano e 12% altro. Nove bambini sono risultati positivi agli anticorpi, singolo n = 8 e multiplo n = 1, e la conferma con campioni di siero ha mostrato un’eccellente correlazione con le misurazioni da macchie di sangue essiccato per anticorpi diretti contro GAD, IA-2 e ZnT8 (P <0,01 per ciascuno) .

Lo screening per il rischio di T1D nelle giornate comunitarie per la salute utilizzando macchie di sangue essiccato su carta da filtro è fattibile e fornisce una strada per lo screening di bambini di origini etnicamente diverse, ma non solo: anche di adulti, dato che il diabete tipo 1 ha una buona percentuale d’esordio nella maturità.

A me sembra una splendida iniziativa questa, anche per dare un senso alla Giornata Mondiale del Diabete che, solitamente, è centrata al diabete tipo 2 mediante i controlli della glicemia e altri parametri clinici per cercare di individuare nuovi case di diabete e/o prevenirli, in questo modo invece una cosa simili è fattibile anche per il diabete tipo 1. Dato che Roberto è ora consigliere per AGD Bologna potrebbe proporlo in occasione della prossima Giornata Mondiale del Diabete.

Pubblicato in Pediatric Diabetes del 3 agosto 2019.