Complicanze varie/eventuali

Fattori di rischio per l’udito nel diabete tipo 1

Pubblicità e progresso

Gli studi hanno dimostrato che l’HbA1c è un fattore predittivo significativo del deficit uditivo nel diabete di tipo 1 . I ricercatori dell’Università della California di San Diego, La Jolla hanno identificato ulteriori fattori associati alla compromissione dell’udito nei partecipanti con diabete di tipo 1 dallo studio sul controllo del diabete e delle complicanze e il suo follow-up osservazionale, studio sull’epidemiologia degli interventi e delle complicanze del diabete (DCCT / EDIC).

Pubblicità e progresso

1.150 partecipanti DCCT / EDIC sono stati arruolati per lo studio dell’udito. La storia medica, misurazioni fisiche e un questionario sull’udito auto-somministrato sono stati rilevati. L’audiometria è stata eseguita da personale certificato dallo studio e valutata centralmente. I modelli di regressione logistica hanno valutato l’associazione di fattori di rischio e comorbilità con disturbi dell’udito ad alta frequenza e parlato.

L’età media era di 55 ± 7 anni, durata del diabete 34 ± 5 ??anni e DCCT / EDIC HbA1c 7,9 ± 0,9%. Nei modelli multivariabili, maggiori probabilità di compromissione della frequenza del parlato erano significativamente associate a età avanzata, HbA1c più elevata, storia di esposizione al rumore, sesso maschile e trigliceridi più alti. Maggiori probabilità di compromissione ad alta frequenza erano associate a età avanzata, sesso maschile, storia di esposizione al rumore, maggiore fiorescenza intrinseca della pelle (SIF) come marker di glicazione tissutale, maggiore HbA1c, occupazioni non professionali / non tecniche, attività sedentaria, e abbassamento del colesterolo LDL. Tra i partecipanti che avevano precedentemente completato la tomografia computerizzata e l’ecografia carotidea, la calcificazione delle arterie coronariche (CAC)> 0 e lo spessore intimo-mediale carotideo erano significativamente associati a compromissione della frequenza del parlato alta e uditiva.

Coerentemente con precedenti rapporti, sesso maschile, età, diversi fattori metabolici ed esposizione al rumore sono associati indipendentemente con problemi di udito. L’associazione con SIF sottolinea ulteriormente l’importanza della glicemia, come fattore di rischio modificabile, nel tempo. Inoltre, il contributo macrovascolare del calcificazione delle arterie coronariche è un nuovo e importante fattore. Numero di registrazione dello studio clinico: NCT00360893 , NCT00360815 .

Studio pubblicato su AACE journal of American Association of Clinical Endocrinologists