Mangiare

Malattie cardiache e diabete: il grasso da latte è diverso?

Negli ultimi anni i prodotti lattiero-caseari hanno ricevuto molta attenzione da parte dei ricercatori, in particolare da studi condotti sia congiuntamente che separatamente dagli scienziati delle università di Harvard e Tufts. Hanno esaminato la relazione tra prodotti lattiero-caseari grassi e i rischi di malattie cardiache e diabete.

Uno studio di 3.000 partecipanti ha scoperto che le persone le quali includevano il grasso del latte nella loro dieta avevano un rischio più basso di diabete. Una teoria per il collegamento è che le persone le quali saltano o limitano i latticini potrebbero compensare mangiando carboidrati più raffinati, a basso contenuto di fibre, che possono aumentare il rischio di diabete.

Uno studio che ha seguito più di 200.000 persone per diversi decenni ha esaminato la relazione tra l’assunzione di grassi da latte e le malattie cardiache .

Non ha riscontrato alcun aumento del rischio di malattie cardiache tra le persone che hanno mangiato grasso da latte, anche se il rischio è stato ridotto quando le calorie da grasso da latte sono state sostituite con calorie da grassi di origine vegetale o cereali integrali, il 24% quando sono stati sostituiti da grassi polinsaturi e il 28% se sostituito con cereali integrali . D’altra parte, il rischio è aumentato del 6% se quelle calorie sono andate invece agli alimenti con altri tipi di grassi saturi, come la carne rossa.

Un terzo studio ha esaminato nove studi che hanno esaminato specificamente il burro, un’altra fonte di grassi saturi e il suo ruolo nelle malattie cardiache, nel diabete e in tutte le cause di morte. L’analisi ha rilevato che mentre i grassi a base vegetale sono più sani, è probabile che piccole quantità di burro non ti facciano del male.

Cosa potresti fare con tutte queste informazioni? La linea di fondo familiare è la moderazione. Mentre è ancora più sano cucinare con olio d’oliva , ad esempio, puoi concederti un poco di burro sui tuoi cereali integrali caldi o 30 grammi di formaggio sul pane integrale o, forse meglio di tutto, una porzione di yogurt grasso e una tazza di frutti di bosco.

Categorie:Mangiare

Con tag: