Sport e movimento

Camminare prima di cena non riduce la glicemia nei diabetici di tipo 2

Una camminata serale prima di cena non influenza i livelli di glucosio nelle persone con diabete di tipo 2, secondo una ricerca dell’Università dell’Alberta che contraddice i risultati precedenti.

Pubblicità

“Non abbiamo trovato alcuna differenza tra 50 minuti di camminata nel pomeriggio e 50 minuti di seduta sul profilo glicemico di 24 ore “, ha affermato Jordan Rees, un Ph.D. dell’U of A Ricercatore del Normand Boulé’s Physical Activity and Diabetes Laboratory. “Questo è stato abbastanza sorprendente dato che è un po ‘diverso dagli studi che abbiamo visto in passato.”

Lo studio multi-sito ha seguito 80 persone con diabete di tipo 2 per una settimana.

I partecipanti con un monitor continuo del glucosio addosso sono stati sottoposti a una dieta standardizzata con istruzioni alimentari che includevano un pranzo dalle tre alle cinque ore prima di camminare per 50 minuti, con la cena consumata immediatamente dopo.

La camminare è stato scelta perché è una modalità di attività preferita per le persone con diabete e il pomeriggio è stato scelto per comodità verso i partecipanti che lavorano.

Rees ha detto che molti precedenti studi a breve termine che mostrano come l’ esercizio fisico ha un effetto benefico sui livelli di glucosio nei soggetti con diabete di tipo 2 sono stati completati al mattino, in genere dopo la colazione.

Ha spiegato quando mangiamo un pasto, il nostro cibo viene assorbito nel flusso sanguigno come glucosio, che può causare un picco glicemico.

“Il pensiero è se possiamo cronometrare il nostro esercizio quando vediamo quel picco, possiamo usare l’esercizio fisico, che impiega il glucosio come carburante, per abbassare quel picco che vediamo dopo un pasto”, ha detto. “Tuttavia, i tempi di deambulazione nel nostro studio potrebbero non essere stati ideali per abbassare i livelli di glucosio nelle 24 ore, come osservato in studi precedenti.”

Nonostante i livelli moderati di esercizio fisico prima di cena non abbiano alcun effetto sulla glicemia, Rees ha affermato che il suo team incoraggia ancora l’esercizio fisico per i numerosi benefici per la salute che fornisce.

Le Linee guida canadesi sull’attività fisica e la dichiarazione di posizione dell’American Diabetes Association raccomandano 150 minuti a settimana di esercizi a intensità moderata.

“Dobbiamo solo fare di più per indagare su quando è il momento più ottimale della giornata per questa popolazione per completare il loro esercizio”, ha detto.

“Non siamo sicuri dell’effetto che l’esercizio moderato a lungo termine in diversi momenti della giornata avrà sul controllo glicemico: l’ora del giorno e l’ora dell’esercizio fisico durante i pasti sono fattori importanti da considerare”.

Pubblicità