Diritti e rovesci

La comunità LGBTQ ha bisogno di cure migliorate per il diabete

HOUSTON – Nonostante una carenza di informazioni su come il diabete influenzi le persone nella comunità LGBTQ, gli specialisti della cura e dell’educazione del diabete possono ancora meglio servire questi pazienti, secondo le informazioni presentate alla riunione annuale dell’American Association of Diabetes Educators.

“L’attuale prevalenza di prediabete e diabete all’interno della comunità LGBTQ non è stata definita”, ha detto Jacqueline LaManna, PhD, APRN, ANP-BC, BC-ADM, CDE, assistente professore presso la University of Central Florida College of Nursing. “Gli studi sulla prevalenza hanno utilizzato principalmente grandi set di dati di auto-report, come il Sistema di sorveglianza del fattore di rischio comportamentale e lo Studio sulla salute degli infermieri.”

Alcune tendenze sono state identificate, secondo LaManna, come casi potenzialmente elevati di prediabete, obesità, sindrome dell’ovaio policistico e insulino-resistenza.

Per le donne appartenenti a minoranze sessuali, afferma LaManna, gli operatori sanitari dovrebbero concentrarsi sulla riduzione del rischio cardiovascolare e sulla definizione delle priorità per la salute mentale, orale e riproduttiva, comprese le complicanze genito-urinarie, come le infezioni del tratto urinario. Per gli uomini appartenenti a minoranze sessuali, LaManna raccomanda un approccio simile e che si occupa di problemi di salute sessuale come la disfunzione erettile e la dermatite. Rileva inoltre che gli operatori sanitari dovrebbero essere consapevoli dell’aumento dei rischi di CV, diabete e PCOS per le persone transgender.

LaManna ha affermato che gli operatori sanitari dovrebbero interagire con i pazienti riguardo alle loro preoccupazioni specifiche e aggiornare i loro ambienti ambulatoriali. Dovrebbero combattere le procedure eteronormative nella pratica e acquisire familiarità con risorse e strumenti su misura per questa popolazione.

“Un importante messaggio da portare a casa relativo all’assistenza delle persone LGBTQ con diabete o rischio di diabete è la necessità di creare pratiche inclusive e accoglienti”, ha affermato LaManna. “Avere a disposizione materiali che affrontino particolari preoccupazioni della popolazione è utile, così come avere elenchi di risorse / referenze che includono fornitori LGBTQ-friendly.” 

Riferimento:

LaManna J. P401. Presentato a: American Association of Diabetes Educators; 9-12 agosto 2019; Houston.

Divulgazione : LaManna non fornisce informazioni finanziarie rilevanti.

Categorie:Diritti e rovesci, Terapie

Con tag:,