Ricerca

Sensazionale! Un nuovo sottoinsieme di cellule T associato al diabete di tipo 1

ricerca-scientifica-510-xUno studio condotto presso l’Università della Finlandia orientale ha dimostrato che un sottogruppo di cellule T recentemente descritto, le cosiddette cellule T helper periferiche, possono avere un ruolo nello sviluppo del diabete di tipo 1. È stato osservato che la frequenza delle cellule T helper periferiche circolanti è aumentata sia nei bambini con diabete di tipo 1 recentemente diagnosticato sia nei bambini sani che in seguito sono passati al diabete di tipo 1. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Diabetologia .

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune che si manifesta in genere durante l’infanzia. Nel diabete di tipo 1, le cellule beta che producono insulina nel pancreas vengono distrutte dal sistema immunitario. Oltre alla suscettibilità genetica, la comparsa di autoanticorpi nel sangue è predittiva del futuro sviluppo del diabete di tipo 1.

La comparsa di autoanticorpi prima del diabete clinico è causata dall’attivazione delle cellule B contro le proteine ??nelle isole pancreatiche. L’attivazione delle cellule B nei tessuti linfoidi è, a sua volta, controllata dalle cellule T helper follicolari. Un lavoro precedente del collega di ricerca dell’Accademia Tuure Kinnunen e del suo gruppo di ricerca presso l’Università della Finlandia orientale ha dimostrato che la frequenza delle cellule T helper follicolari nel sangue è aumentata nei bambini vicino all’insorgenza del diabete di tipo 1.

Una simile capacità di attivare le cellule B è stata recentemente attribuita a un nuovo sottoinsieme di cellule T. Queste cosiddette cellule T helper periferiche assomigliano a cellule T helper follicolari, ma esprimono recettori che consentono loro di migrare verso i tessuti infiammati.

Il presente studio suggerisce un ruolo per le cellule T helper periferiche nello sviluppo del diabete di tipo 1. I ricercatori hanno dimostrato che la frequenza di queste cellule era aumentata nel sangue di entrambi i bambini con diabete di tipo 1 recentemente diagnosticato, nonché di bambini sani e autoanticorpi positivi. È importante sottolineare che la frequenza è stata chiaramente aumentata in quei bambini positivi agli autoanticorpi che hanno successivamente sviluppato il diabete di tipo 1.

“Sulla base dei nostri risultati, è possibile che le cellule T ausiliarie periferiche possano avere un ruolo nello sviluppo del diabete di tipo 1. Queste informazioni potrebbero essere utilizzate nello sviluppo di metodi migliori per prevedere il rischio di diabete di tipo 1 e nuove immunoterapie per la malattia. Tuttavia, ulteriori studi devono essere condotti per verificare i nostri risultati e per caratterizzare ulteriormente la funzionalità delle cellule T helper periferiche “, osserva il ricercatore in fase iniziale Ilse Ekman dell’Università della Finlandia orientale.

Lo studio è stato condotto utilizzando campioni dello studio DIPP finlandese in cui lo sviluppo del diabete di tipo 1 è seguito dalla nascita in bambini con rischio genetico per la malattia. Lo studio ha coinvolto ricercatori delle università di Turku, Helsinki e Oulu e dell’Università di Harvard.