Donne e diabete

Storia familiare di diabete legata all’aumento della densità minerale ossea

Un nuovo studio dimostra l’effetto della storia familiare di primo grado del diabete sulla perdita ossea, sulla resistenza all’insulina e sull’iperinsulinemia, nonostante i normali livelli di glucosio nel sangue

CLEVELAND, Ohio (21 agosto 2019) – L’associazione tra diabete di tipo 2 e aumento del rischio di fratture è ben documentata. Tuttavia, si sapeva poco sul possibile effetto della storia familiare del diabete sulla densità minerale ossea (BMD). Uno studio cinese conferma ora che una storia di familiari di primo grado con diabete è legata all’aumento della BMD e all’insulino-resistenza. I risultati sono pubblicati online su Menopause, la rivista di The North American Menopause Society (NAMS).

Poiché i pazienti con diabete di tipo 2 hanno un aumentato rischio di fratture, comprendere la patofisiologia precoce della BMD alterata potrebbe essere fondamentale nello sviluppo di strategie preventive per l’osteoporosi diabetica. Sebbene prove evidenti abbiano rivelato una BMD da normale a elevata nella maggior parte dei pazienti con diabete di tipo 2, ad oggi non sono stati pubblicati dati che dimostrino se la BMD sia alterata in persone con una storia familiare di primo grado nel diabete.

In questo nuovo studio che ha coinvolto quasi 900 donne in postmenopausa normoglicemizzanti, è stato riscontrato che la BMD della colonna lombare e del collo femorale era significativamente più alte nei partecipanti con una storia familiare di primo grado di diabete rispetto a quelli senza tale storia, anche nelle donne con normale livelli di glucosio nel sangue. Questi stessi partecipanti hanno inoltre mostrato una maggiore resistenza all’insulina e iperinsulinemia.

I risultati sono stati pubblicati nell’articolo “Associazione della densità minerale ossea con una storia familiare di primo grado di diabete nelle donne in postmenopausa normoglicemiche”.

“Questo studio mostra un’associazione tra una storia familiare di diabete e aumento della densità ossea nelle donne in postmenopausa. Questo risultato può essere correlato a livelli più alti di insulina in queste donne con una predisposizione ereditaria al diabete, perché l’insulina ha un effetto di costruzione ossea. sembra una buona notizia, queste donne hanno un rischio maggiore di sviluppare il diabete, che è associato alla fragilità scheletrica e all’aumento del rischio di fratture “, afferma la dott.ssa Stephanie Faubion, direttore medico della NAMS.