Batticuore

Prevenzione delle malattie cardiovascolari con il diabete: una roadmap

art-1839006_1280Il cardiologo della Emory University Laurence Sperling, MD, ha presentato la nuova tabella di marcia della World Heart Federation (WHF) volta a ridurre l’onere globale delle malattie cardiovascolari (CVD) nelle persone affette da diabete al Congresso congiunto della Società europea di cardiologia (ESC) 2019 e Congresso mondiale di cardiologia a Parigi lunedì 2 settembre.

La tabella di marcia è un documento di riferimento chiave per chiunque sia coinvolto nella pianificazione, organizzazione, attuazione, monitoraggio e valutazione di approcci relativi alla prevenzione delle malattie cardiovascolari nelle persone con diabete. Delinea la visione di un percorso ideale di cura, i potenziali blocchi lungo questo percorso e le soluzioni proposte, con esempi pratici.

La rapida urbanizzazione, le diete malsane e gli stili di vita sempre più sedentari hanno portato a tassi di obesità e diabete in rapida crescita, con circa 425 milioni di persone che attualmente vivono con diabete di tipo 2 in tutto il mondo. In modo allarmante, la situazione è destinata a peggiorare ulteriormente nei prossimi decenni, con il numero totale di persone con diabete che dovrebbe aumentare a oltre 600 milioni entro il 2045. È stato stimato che a livello globale fino al 50% delle persone con diabete non sono a conoscenza della loro malattia.

Mentre il diabete è curabile, anche quando i livelli di glucosio sono sotto controllo aumenta notevolmente il rischio di CVD: le persone con diabete hanno da due a tre volte probabilità in più di avere un aumentato rischio di malattia coronarica, ictus, infarto del miocardio e angina pectoris rispetto a quelli senza diabete. La prevenzione della CVD nelle persone con diabete è una necessità e le strategie preventive si concentrano principalmente sulla gestione dello stile di vita e negli interventi sui fattori di rischio.

Sviluppata in collaborazione con la International Diabetes Federation (IDF), la Roadmap si basa sull’esperienza di clinici esperti di diabete, ricercatori, esperti di scienze dell’implementazione e pazienti di tutto il mondo e presenta un approccio integrato alla cura del diabetico, coinvolgendo la prospettiva del paziente, l’assistenza sanitaria prospettiva del sistema e prospettiva della politica sanitaria.

Sperling, che è presidente del CVD e Diabetes Roadmap Writing Group e direttore dell’Emory Heart Disease Prevention Center, spiega: “Abbiamo identificato importanti lacune nella cura delle persone con diabete che sono ad alto rischio cardiovascolare, e focalizzato su priorità e aree di azione chiave per colmare queste lacune. Forniamo inoltre un kit di strumenti per l’implementazione efficace della Roadmap in iniziative nazionali e locali, con l’obiettivo di garantire che il maggior numero possibile di persone affette da diabete riceva cure e trattamenti preventivi ottimali.”

Nel 2014, il WHF ha lanciato un’iniziativa per sviluppare una serie di tabelle di marcia globali, con l’obiettivo di identificare potenziali blocchi stradali sul percorso verso un’efficace prevenzione, rilevazione e gestione delle malattie cardiovascolari, insieme a soluzioni basate sull’evidenza per superarle. La tabella di marcia globale WHF sulla prevenzione della CVD tra le persone che soffrono di diabete sarà pubblicata come accesso aperto nella rivista WHF, Global Heart e può anche essere trovata su http: // www. cvdroadmaps. org .

“Il diabete e le relative complicanze CVD sono un enorme problema globale, afferma la professoressa Karen Sliwa, presidente della WHF.” In tutto il mondo, a causa delle risorse limitate, i paesi stanno lottando per fornire le necessarie cure preventive o mediche, con un onere sproporzionato in caduta sui paesi a basso e medio reddito. Dato l’impatto mondiale dell’epidemia di CVD e diabete, abbiamo deciso di agire per affrontarlo a livello globale attraverso questa nuova tabella di marcia sulla prevenzione della CVD tra le persone che soffrono di diabete. “

Le pubblicazioni della Roadmap sono diventate la pietra angolare delle attività WHF come risorse per l’implementazione per guidare le iniziative a supporto della salute del cuore a livello globale, traducendo la scienza in politica e influenzando agenzie, governi e politici. Con questo quadro, i paesi possono sviluppare o aggiornare programmi nazionali di malattie non trasmissibili (NCD). L’obiettivo generale è quello di guidare gli sforzi all’interno delle agende nazionali per raggiungere l’ambizioso obiettivo stabilito negli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite: una riduzione del 30% della mortalità prematura causata da malattie non trasmissibili, incluso CVD, entro il 2030.

“Per essere implementata con successo, la tabella di marcia per la CVD e il diabete richiede un’azione globale “, afferma Sperling. “Il lancio della tabella di marcia nel più grande congresso cardiovascolare del mondo è il forum perfetto per sensibilizzare su questa epidemia globale di grande impatto. Il nostro obiettivo è dimostrare come l’utilizzo di questa tabella di marcia può aiutare un’ampia base di parti interessate a iniziare ad affrontare il problema e differenza di vecchia data “.