Mangiare

Glutine e diabete tipo 1

spaghetti-2931846_1280L’assunzione di glutine da parte del bambino durante l’infanzia è legata all’aumento del rischio di sviluppare il diabete di tipo 1

Una nuova ricerca presentata all’incontro annuale dell‘Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) a Barcellona, ??Spagna (16-20 settembre) mostra che l’assunzione di glutine da parte di un bambino all’età di 18 mesi è associata ad un aumento del rischio del 46% di sviluppo diabete di tipo 1 per ogni 10 g in più di glutine consumato. Non è stata trovata alcuna associazione tra l’assunzione di glutine da parte della madre durante la gravidanza e il diabete di tipo 1 nel suo bambino, concludono gli autori tra cui il dott. Nicolai Lund-Blix, ospedale universitario di Oslo e l’Istituto norvegese di sanità pubblica, Oslo, Norvegia.

Un precedente studio danese aveva suggerito che un elevato apporto di glutine materno durante la gravidanza aumentava il rischio di diabete di tipo 1 nel bambino . Nessuno studio ha studiato la relazione tra la quantità di assunzione di glutine sia dalla madre durante la gravidanza che dal bambino nella prima infanzia e il rischio di sviluppare il diabete di tipo 1 durante l’infanzia. Questo nuovo studio ha esaminato l’associazione tra l’assunzione di glutine materna durante la gravidanza, l’assunzione di glutine del bambino all’età di 18 mesi e il rischio di diabete di tipo 1 nel bambino in uno studio nazionale norvegese basato sulla popolazione.

Gli autori concludono: “Questo studio suggerisce che l’assunzione di glutine del bambino a 18 mesi di età, e non l’assunzione materna durante la gravidanza, potrebbe aumentare il rischio di diabete di tipo 1 nel bambino. Le nostre osservazioni possono motivare futuri studi interventistici con riduzione dell’assunzione di glutine per stabilire se esiste una vera associazione causale tra la quantità di assunzione di glutine nella dieta precoce del bambino e il diabete di tipo 1 in soggetti sensibili. ”

Gli autori discutono alcune possibili ragioni dei risultati, dicendo: “Esistono alcune prove che l’assunzione di glutine può influenzare il microbiota intestinale e indurre infiammazione nel cosiddetto” intestino permeabile “(aumento dell’assorbimento di antigeni alimentari e / o infezioni intestinali). sono meccanismi plausibili, ma l’esatto meccanismo che spiega i nostri risultati non è noto. Semmai, crediamo che il glutine funzioni in combinazione con altri fattori ambientali come le infezioni da virus nei bambini predisposti “.

In questo studio norvegese, le principali fonti di glutine nella dieta erano cereali e pane. Tuttavia, in questa fase gli autori affermano che il loro studio, insieme alle prove esistenti, non è sufficiente per incoraggiare le persone a evitare o ridurre l’assunzione di glutine.

Dicono: “Abbiamo bisogno di conferma da ulteriori studi, e idealmente uno studio randomizzato controllato (RCT) per determinare con certezza qualsiasi relazione tra assunzione di glutine e diabete di tipo 1. Poiché i nostri risultati mostrano che il rischio più elevato di sviluppare T1D è nel gruppo con massimo consumo di glutine, potrebbe essere che semplicemente ridurre l’assunzione di glutine sarebbe sufficiente per ridurre il rischio e questo è più facile da ottenere rispetto all’evitamento completo. Sulla base delle esperienze di pazienti con celiachia, evitare completamente il glutine è difficile ma gestibile, ma probabilmente non essere necessario “.