Diritti e rovesci

Diabete tipo 1: scopri le differenze a livello mondiale nell’accesso alle cure

Documentare e visualizzare i progressi verso la copertura sanitaria universale delle strisce reattive per insulina e glicemia per le persone con diabete.

I governi a livello di Nazioni Unite si sono impegnati a raggiungere la copertura sanitaria universale (UHC), garantendo l’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità e conveniente per tutti. Questo è fondamentale per i soggetti con diabete mellito di tipo 1, che necessitano di un accesso giornaliero alle strisce reattive per controllare la glicemia a all’insulina per sopravvivere. Questo gruppo rischia di essere lasciato alle spalle da iniziative globali che non tengono conto di queste esigenze particolari.

I ricercatori del programma Life for a Child hanno distribuito un questionario ai principali informatori in 37 paesi con risorse limitate. Sono stati inclusi anche sette paesi ad alto reddito per il confronto. Si è attinto a un quadro dell’OMS sviluppato per valutare i progressi verso l’UHC per creare scale su tre dimensioni: popolazione coperta, servizi forniti e costi diretti. È stata aggiunta una quarta dimensione, la disponibilità. I risultati sono stati raggruppati in sei modelli e visualizzati visivamente con grafici radar.

Il 65% dei sistemi sanitari nazionali con risorse limitate ha fornito insulina, con mediane del 67% per la fornitura di servizi (equivalenti a Human Regular e NPH), 55% di costi diretti coperti e 75% di disponibilità. Le strisce reattive sono state fornite solo nel 14% dei sistemi con meno risorse, con mediane rispettivamente del 42% (meno di due strisce al giorno), del 76% e dell’88%. Sono stati identificati sei modelli di fornitura. I progressi sono stati correlati al livello di reddito, ma alcuni paesi a basso reddito stanno realizzando insulina e strisce reattive per gli iscritti ai regimi di assicurazione sanitaria.

Nessun paese con meno risorse aveva una copertura quasi completa per l’insulina e la copertura era peggiore per le strisce reattive. Lo studio dimostra l’utilità di questo quadro che potrebbe essere sviluppato come mezzo per tenere traccia dei progressi nel soddisfare le esigenze delle persone con diabete.

Pubblicato in Diabetes Research and Clinical Practice del 20 September 2019.