Complicanze varie/eventuali

L’uso di cure primarie aiuta i pazienti con diabete e disturbi psichici coesistenti

Per i pazienti con disturbi della salute mentale (MH) o da uso di sostanze (SU) con diabete di nuova diagnosi, il coinvolgimento nelle cure primarie può offrire moderati benefici per la salute, secondo uno studio pubblicato online il 25 settembre su JAMA Network Open.

Eric M. Schmidt, Ph.D., del sistema sanitario di Palo Alto per gli affari dei veterani a Menlo Park, California, e colleghi hanno esaminato l’impatto dei disturbi preesistenti in MH o SU e l’utilizzo delle cure primarie prima di una nuova diagnosi di diabete in 122.992 pazienti, il 23,3 percento dei quali presentava diagnosi di disturbo MH o SU preesistente

I ricercatori hanno scoperto che al momento dell’insorgenza del diabete, solo i disturbi SU o entrambi i disturbi MH e SU, ma non solo i disturbi MH, erano correlati con punteggi più bassi dell’indice di gravità del diabete (DCSI) rispetto a nessun disturbo MH o SU (?0.09 e – 0,13, rispettivamente) dopo aver controllato le caratteristiche sociodemografiche e le comorbidità mediche. Oltre il 90 percento dei pazienti con disturbi MH e SU e il 58 percento dei pazienti senza visite di cure primarie prima della diagnosi di diabete. Sono stati osservati punteggi DCSI inferiori al basale per i pazienti che hanno avuto visite di assistenza primaria prima dell’insorgenza del diabete rispetto a quelli senza visite di assistenza primaria. I pazienti con disturbi MH o SU avevano punteggi DCSI complessivamente più bassi, ma con un progresso più rapido, fino al 7 ° anno.

“L’accesso e l’impegno in un modello integrato di erogazione di assistenza sanitaria che include l’assistenza primaria prima dell’inizio del diabete fornisce benefici per la salute modesti, sebbene impermanenti, a lungo termine in termini di complicanze del diabete”, scrivono gli autori.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.