Terapie

L’ossigenoterapia per ferite topiche aiuta a curare le ulcere del piede diabetico

La terapia adiuvante ad ossigeno topico a pressione ciclica (TWO2), rispetto alla terapia di controllo sham, oltre allo standard di cura ottimale è superiore per la guarigione delle ulcere croniche del piede diabetico (DFU), secondo uno studio pubblicato online il 16 ottobre in Diabetes Care.

Robert G. Frykberg, MD, del Diabetic Foot Consultants della Midwestern University di Glendale, in Arizona, e colleghi hanno esaminato l’efficacia della terapia ciclica multimodale a pressione doppia TWO2 per i pazienti con diabete e DFU croniche. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale alla terapia TWO2 attiva o alla terapia di controllo sham, in aggiunta allo standard di cura ottimale. Sono state eseguite analisi predeterminate e regole di arresto forzato quando 73, 146 e 220 pazienti avevano completato la fase di trattamento di 12 settimane.

I ricercatori hanno scoperto che il braccio TWO2 attivo era superiore al braccio fittizio nel primo punto di analisi, con un tasso di chiusura del 41,7 contro il 13,5 percento (odds ratio, 4,57). Il rapporto di probabilità è aumentato a 6,00 dopo l’aggiustamento per il grado di ulcera secondo la classificazione dell’Università del Texas (UTC) . Rispetto al braccio simulato, la modellazione dei rischi proporzionale di Cox ha dimostrato una probabilità significativamente maggiore per le DFU di guarire in 12 settimane (hazard ratio, 4,66), anche dopo aggiustamento per il grado UTC. A 12 mesi dalla registrazione, il 56 e il 27 percento delle ulcere del braccio attivo e delle ulcere del braccio falso erano chiuse.

“Univocamente, la terapia ha un ulteriore vantaggio in quanto può essere amministrata dal paziente a casa senza le spese e le difficoltà del viaggio quotidiano in un centro specializzato”, scrivono gli autori.

Un autore ha rivelato legami finanziari con l’industria farmaceutica; lo studio è stato sponsorizzato da AOTI Ltd.

Categorie:Terapie

Con tag:,