Mangiare e bere

Cicciogamer ha le ore contate…

Philip Britz-McKibbin, chimico alla McMaster University

Gli scienziati identificano nuovi segni nel sangue e nelle urine i quali riflettono quel che mangiamo e beviamo.

I ricercatori della McMaster University hanno identificato diverse firme chimiche, rilevabili nel sangue e nelle urine, in grado di misurare accuratamente l’assunzione alimentare, offrendo potenzialmente un nuovo strumento a medici, dietologi e ricercatori per valutare le abitudini a tavola, misurare il valore delle diete e sviluppare politiche sulla salute.

Pubblicità e progresso

La ricerca, pubblicata sulla rivista Nutrients, affronta una grande sfida nella valutazione delle diete: gli studi sull’alimentazione si basano in gran parte sui partecipanti per registrare il proprio consumo di cibo, che è soggetto a errori umani, dimenticanza o omissione.

“Questo è stato un grosso problema nella ricerca nutrizionale e potrebbe essere uno dei motivi principali della mancanza di progressi reali nelle scienze nutrizionali e nella prevenzione delle malattie croniche”, afferma Philip Britz-McKibbin, professore presso il Dipartimento di Chimica e Biologia Chimica di McMaster University e autore principale dello studio, assieme ad una collaborazione con la dott.ssa Sonia Anand e colleghi dei Dipartimenti di Medicina, e Health Research, Evidence, and Impact.

Gli scienziati hanno deciso di determinare se potevano identificare le firme chimiche o i metaboliti, che riflettono i cambiamenti nell’assunzione con la dieta, misurare quei marker e quindi confrontare i dati con gli alimenti forniti ai partecipanti allo studio e quindi quel che hanno riferito di aver mangiato. I campioni analizzati provenivano da individui sani i quali hanno partecipato allo studio di dieta e di intervento genico (DIGEST).

Per un periodo di due settimane, i ricercatori hanno studiato due diete contrastanti: la dieta Prudent, ricca di frutta, verdura, carni magre e cereali integrali e una dieta occidentale contemporanea, ricca di grassi trans, alimenti trasformati, carne rossa e bevande zuccherate.

I ricercatori sono stati in grado di convalidare un panel di metaboliti nelle urine e nel plasma che era correlato al consumo di frutta, verdura, proteine ??e / o fibre da parte dei partecipanti.

“Siamo stati in grado di rilevare cambiamenti a breve termine nei modelli alimentari che potrebbero essere misurati in modo obiettivo”, afferma Britz-McKibbin. “E non ci è voluto molto perché questi cambiamenti significativi diventassero evidenti.”

Britz-McKibbin avverte che la chimica degli alimenti è altamente complessa. Le nostre diete sono composte da migliaia di diversi tipi di sostanze chimiche, afferma, ei  ricercatori non sanno quale ruolo possano svolgere tutti nella salute generale.

In futuro, spera di ampliare questo lavoro esaminando una coorte più ampia di partecipanti per un periodo di tempo più lungo. Il suo team sta inoltre esplorando diversi modi per valutare la nutrizione materna durante le fasi cruciali dello sviluppo fetale e il suo impatto sull’obesità e sul rischio di sindrome metabolica nei bambini.