Complicanze varie/eventuali

I pneumologi, cardiologi e endocrinologi sollecitano le vaccinazioni antinfluenzali per prevenire complicanze nei diabetici

L’American Diabetes Association, l’American Lung Association e l’American Heart Association stanno lavorando insieme per sollecitare gli adulti affetti da malattie croniche a dare la priorità alla vaccinazione annuale contro l’influenza e a incoraggiare gli operatori sanitari a farlo sostenendo l’immunizzazione influenzale all’interno delle loro pratiche, secondo una nota stampa. rilasciata da parte delle predette organizzazioni.

L’epidemia di influenza della scorsa stagione è stata una delle peggiori negli ultimi anni, secondo i dati del CDC, con ospedalizzazioni complessive nel 2018 che hanno superato quelle del 2017, insieme a un allarmante aumento dei decessi associati all’influenza in bambini e adulti. I funzionari della sanità pubblica nazionale hanno intensificato gli sforzi per educare gli americani sull’impatto dell’influenza sulle condizioni di salute croniche, come il diabete, che mette le persone a maggiori rischi di complicanze, come polmonite, bronchite e infezioni delle vie aeree, oltre ad aumentare il rischio di iperglicemia.

La vaccinazione annuale contro l’influenza ha dimostrato di mitigare questi rischi per i pazienti con patologie croniche, riducendo il rischio di ricovero ospedaliero del 37% e il rischio di ricovero in terapia intensiva dell’82%, secondo il comunicato.

“L’influenza può portare a complicazioni con conseguenze molto gravi per le persone con malattie cardiovascolari, incluso il ricovero in ospedale, un aumento del rischio per altri importanti eventi sanitari, come infarti o ictus e morte”, Eduardo Sanchez, MD, direttore medico per la prevenzione presso l’American Heart Association, ha dichiarato nel comunicato. “La vaccinazione antinfluenzale è una buona idea per tutti ed è effettivamente associata a tassi più bassi di alcuni eventi cardiaci”.

Il vaccino è uno strumento protettivo contro l’influenza e una fase essenziale di gestione della salute per le persone che vivono con diabete, malattie cardiache e polmonari, secondo il rilascio.

“Le persone con diabete sperimentano più eventi iperglicemici e sostanziali aumenti di polmonite, sepsi e malattie coronariche dopo la diagnosi di influenza” , ha affermato Louis H. Philipson, MD, PhD, FACP, vicepresidente dell’ADA. “Inoltre, se un individuo ha l’influenza, la vaccinazione può aiutare a rendere i loro sintomi più lievi ed evitare conseguenze più gravi.”

Secondo il comunicato, solo il 45% degli adulti è stato vaccinato durante la stagione 2018-2019. Le associazioni hanno osservato che le persone che vivono con malattie polmonari o cardiache o con il diabete dovrebbero essere immunizzate contro l’influenza ogni anno nell’ambito della loro regolare gestione dell’assistenza sanitaria.

“Siamo orgogliosi della nostra collaborazione con l’American Diabetes Association e l’American Heart Association per sensibilizzare sull’importanza della vaccinazione antinfluenzale, in particolare per quelli con condizioni croniche e più vulnerabili agli impatti dell’influenza”, Albert A. Rizzo, MD, FACP, ufficiale medico dell’American Lung Association, ha dichiarato nel comunicato. “Spesso gli americani vivono con una o più di queste condizioni mediche croniche che attraversano le nostre tre organizzazioni e, lavorando insieme, possiamo incoraggiare le vaccinazioni antinfluenzali e salvare vite”.

L’ American Lung Association , l’ADA e l’ American Heart Association offrono risorse educative sul peso dell’influenza e sul crescente bisogno di vaccinazione tra le persone con patologie croniche.