Complicanze varie/eventuali

L’uso moderato di cannabis aumenta il rischio di chetoacidosi negli adulti con diabete di tipo 1

Gli adulti con diabete di tipo 1 che usano prodotti a base di cannabis hanno più del doppio delle probabilità di sviluppare chetoacidosi diabetica rispetto a quelli che non li usano, secondo i risultati pubblicati su Diabetes Care.

“La cannabis è una sostanza che crea dipendenza nota e questo aspetto potenzialmente problematico del suo uso dovrebbe essere valutato in pazienti con diabete di tipo 1 “, Gregory L. Kinney MPH, PhD, un professore assistente presso la Colorado School of Public Health dell’Università di Colorado Anschutz Medical Campus ad Aurora e colleghi hanno scritto. “I fornitori d’assistenza dovrebbero discutere con i loro pazienti che usano la cannabis la possibilità di alterare il controllo glicemico, la sindrome da iperemesi della cannabis e la chetoacidosi diabetica”.

Pubblicità e progresso

Kinney e colleghi hanno condotto uno studio trasversale con 932 adulti dal registro Exchange T1D. I partecipanti hanno auto-riferito le loro abitudini alla cannabis su una scala di 33 punti tramite il test di screening per l’alcol, il fumo e il coinvolgimento di sostanze. I ricercatori hanno definito un punteggio tra 4 e 26 come rischio moderato di dipendenza da cannabis e un punteggio superiore a 26 come rischio elevato di dipendenza da cannabis e raccolto dati sulla chetoacidosi diabetica che hanno richiesto visite in ospedale da parte dei partecipanti.

Sono stati 61 i partecipanti che hanno raggiunto la soglia per almeno un moderato rischio di dipendenza da cannabis (età media, 31 anni; 45,9% donne) e 871 partecipanti che erano considerati non utilizzatori (età media, 38,2 anni; 62,1% donne). I ricercatori hanno osservato che l’HbA1c media tra quelli con un rischio di dipendenza da cannabis almeno moderato era dell’8,4% rispetto a un HbA1c media del 7,7% tra i non utilizzatori ( P = 0,005) e che il diabete di tipo 1 veniva diagnosticato a un’età media di 12,8 anni quelli con un rischio di dipendenza da cannabis almeno moderato e con un’età media di 16,1 anni tra i non utilizzatori ( P= .007). I ricercatori hanno anche scoperto che gli adulti con un rischio di dipendenza da cannabis almeno moderato avevano una probabilità 2,5 volte maggiore di sviluppare chetoacidosi diabetica rispetto ai non utilizzatori (OR = 2,5; IC al 95%, 1-5,9) e che “aggiustamento per lo stato legale della cannabis nella lo Stato di residenza non ha modificato questa associazione. “

“Ipotizziamo che la dismotilità gastrica imprevedibile e la gravità della gastroparesi tra i consumatori di cannabis con sindrome da iperemesi di cannabis possano portare a un controllo glicemico non ottimale “, hanno scritto i ricercatori. “Inoltre, l’aumento dell’appetito indotto dalla cannabis può comportare un incremento delle escursioni glicemiche e gli utenti possono sperimentare un aumento del glucosio durante la notte e una percezione alterata dell’ipoglicemia a causa della cannabis che compromette la loro capacità di gestire il diabete.”