Mangiare e bere

L’American Academy of Pediatrics esamina l’uso di edulcoranti non nutritivi da parte dei bambini

La dichiarazione dell’AAP valuta ciò che è noto, insieme alle lacune nelle prove, sui loro effetti sulla salute dei bambini.

Itasca, IL – I dolcificanti non nutritivi o artificiali sono una parte crescente delle diete statunitensi, ora consumate da almeno un bambino su quattro. Una nuova dichiarazione politica dell’American Academy of Pediatrics (AAP) offre un riepilogo dei dati esistenti sui dolcificanti non nutritivi e raccomanda ricerche future su come influenzano il peso dei bambini, le preferenze di gusto, il rischio di diabete e la sicurezza a lungo termine.

Pubblicità e progresso

La dichiarazione AAP “L’uso di edulcoranti non nutritivi nei bambini” pubblicata in Pediatrics di novembre 2019 (pubblicata online il 28 ottobre), raccomanda che la quantità di questi dolcificanti a basso apporto calorico sia elencata sulle etichette dei prodotti in modo che famiglie e ricercatori possano capire meglio quanto consumano i bambini e i possibili effetti sulla salute.

“Osservando le prove, abbiamo scoperto che c’è ancora molto da imparare sull’impatto degli edulcoranti non nutritivi sulla salute dei bambini”, ha affermato Carissa Baker-Smith, MD, MPH, FAAP, autrice principale della dichiarazione AAP e professore associato di pediatria presso la University of Maryland School of Medicine. “Abbiamo bisogno di ulteriori ricerche sull’uso di edulcoranti non nutritivi e sul rischio di obesità e diabete di tipo 2, specialmente nei bambini. Considerando quanti bambini consumano regolarmente questi prodotti – che sono diventati onnipresenti – dovremmo capire meglio come impatto sulla salute a lungo termine dei bambini “.

Gli edulcoranti non nutritivi sono stati introdotti nella fornitura alimentare più di 60 anni fa per imitare il gusto del saccarosio (zucchero da tavola) senza aggiungere calorie. Otto dolcificanti non nutritivi sono approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. Saccarina, aspartame, acesulfame-potassio, sucralosio, neotame evantame sono stati approvati come additivi alimentari, mentre la stevia e il luo han guo (frutto del monaco) sono approvati con la denominazione “generalmente riconosciuta sicura” (GRAS). Questi prodotti sono da 180 a 20.000 volte più dolci dello zucchero.

Quando furono introdotti i dolcificanti non nutritivi per la prima volta, le preoccupazioni per la salute si concentrarono su un potenziale rischio di cancro, che non fu confermato dalla ricerca successiva. Le preoccupazioni per la salute di questi prodotti ora sono cambiate. Poiché l’epidemia di obesità ha spinto il crescente uso di questi prodotti, l’attenzione è rivolta a prove contrastanti sul fatto che gli edulcoranti non nutritivi aiutino effettivamente a controllare il peso. La maggior parte degli studi a breve termine suggerisce che la sostituzione di un dolcificante non nutritivo con lo zucchero può ridurre l’aumento di peso e promuovere piccole quantità di perdita di peso nei bambini, secondo l’AAP. Tuttavia, i dati sono limitati. Esistono anche ricerche che suggeriscono possibili collegamenti tra uso di edulcoranti non nutritivi e aumento di peso. Inoltre, alcuni studi suggeriscono collegamenti tra l’uso di edulcoranti non nutritivi e cambiamenti nelle preferenze di appetito e gusto, così come nel microbioma intestinale, che può influenzare i livelli di zucchero nel sangue e portare alla sindrome metabolica, all’insulino-resistenza, al diabete e all’aumento di peso. Ma i risultati rimangono incoerenti.

L’AAP raccomanda ai produttori di alimenti e bevande di riferire il contenuto di edulcoranti non nutritivi sulle etichette degli alimenti e delle bevande, piuttosto che elencarli tra gli ingredienti, poiché ora sono così ampiamente disponibili e consumati. Il National Health and Nutrition Examination Survey 2009-2012 ha mostrato che oltre un quarto dei bambini statunitensi ha riferito del consumo di edulcoranti non nutritivi, con l’80% di questi bambini che ne ha riferito l’uso quotidiano.

“Al momento è difficile sapere quanto dolcificante non nutritivo è presente in un prodotto poiché i produttori non sono tenuti a specificarlo”, ha dichiarato il dott. Baker-Smith. “Elencare la quantità di edulcorante non nutritivo contenuto in un prodotto aiuterebbe le famiglie e i ricercatori a capire quanto viene effettivamente consumato da individui e popolazioni e valutare ulteriormente gli effetti sulla salute potenzialmente correlati”, ha affermato il Dr. Baker-Smith.

La ricerca suggerisce come molti genitori non sono consapevoli che il loro bambino sta consumando questi prodotti. Uno studio ha scoperto che solo il 23% dei genitori è in grado di identificare correttamente i prodotti alimentari che contengono edulcoranti non nutritivi. Inoltre, il 53% dei genitori ha dichiarato di cercare articoli etichettati come “meno zuccheri”, ma la maggior parte non ha riconosciuto che il sapore dolce veniva invece fornito da un dolcificante non nutritivo.

Conoscere la quantità di edulcoranti non nutritivi nei prodotti contribuirebbe anche a garantire che il consumo dei bambini rimanga al di sotto dei livelli di assunzione giornaliera accettabili, ha affermato il dott. Baker-Smith. La ricerca suggerisce che l’assunzione di dolcificanti non nutritivi per la maggior parte dei bambini rientri nel livello accettabile, ma alcuni hanno scoperto, in base al consumo stimato dal richiamo dietetico di 24 ore, che l’assunzione di edulcoranti non nutritivi può superare l’assunzione giornaliera accettabile.

La nuova dichiarazione sugli edulcoranti non nutritivi sarà discussa durante la sessione educativa, “Separare il fatto dall’opinione: Realtà nutrizionali per i pediatri”, durante la Conferenza Nazionale dell’AAP 2019 a New Orleans lunedì 28 ottobre. Il programma inizia alle 13:00 nelle sale 348-49, e “L’uso di edulcoranti non nutritivi nei bambini”.

Informazioni per i genitori sugli edulcoranti non nutritivi nella dieta di un bambino sono disponibili su HealthyChildren.org.