Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Prova su strada: 640G vs 670G

Il passaggio dalla tecnologia con pompa insulinica a sospensione predittiva ad un sistema ibrido a circuito chiuso migliora il controllo del glucosio e riduce la variabilità glicemica: uno studio retrospettivo caso-controllo osservazionale.

Non ci sono dati per stabilire se i sistemi ibridi a circuito chiuso (HCL) siano superiori alla terapia con pompa a sensore aumentato (SAP) con funzione predittiva di sospensione a basso glucosio (PLGS) nel migliorare il controllo del glucosio. Scopo dello studio italiano condotto dai diabetologi italiani dell’ASST Papa Giovanni XXIII, 9333, Unità di Malattie Endocrine e Diabetologia, Bergamo, Lombardia era di valutare l’effetto sul controllo metabolico e sulla variabilità del glucosio del passaggio dalla terapia SAP con PLGS a un sistema HCL in soggetti diabetici di tipo 1.

Pubblicità e progresso

Quaranta adulti con diabete di tipo 1, che avevano utilizzato la terapia SAP con funzionalità PLGS (Minimed 640G, Medtronic, Northridge, CA) per almeno dodici mesi sono stati valutati in uno studio retrospettivo osservazionale caso-controllo di 6 mesi. Venti soggetti che sono passati consecutivamente da Minimed 640G a un sistema HCL (Minimed 670G, Medtronic, Northridge, CA) (gruppo 670G) sono stati confrontati con un gruppo di controllo composto da 20 soggetti che hanno continuato con la pompa MiniMed 640G (gruppo 640G) abbinati per età, genere e HbA1c.

Alla fine dello studio si è verificata una riduzione significativa dei livelli medi di HbA1c (-4,9 ± 6,4 mmol / mol [-0,4 ± 0,6%], p <0,01), concentrazioni di glucosio nel sensore (-15,4 ± 17,7 mg / dl, p < 0,005), CV delle concentrazioni di glucosio nel sensore (-3,8 ± 3,6%, p <0,01), tempo percentuale trascorso in entrambi gli intervalli iperglicemici 181-250 mg / dl (-5,1 ± 4,5%, p <0,05) e> 250 mg / dl (-6,1 ± 6,9%, p <0,05) nel gruppo 670G mentre sono rimasti invariati nel gruppo 640G. La percentuale di tempo trascorso nell’intervallo euglicemico è aumentata significativamente (11,6 ± 8,3%, p <0,005) solo nel gruppo 670G. Non vi è stato alcun cambiamento nel tempo trascorso nell’intervallo ipoglicemico in entrambi i gruppi.

Negli adulti con diabete di tipo 1, il passaggio da un sistema 640G a un sistema 670G ha migliorato significativamente il controllo del glucosio e ridotto la variabilità del glucosio, raggiungendo così nella maggior parte dei casi gli obiettivi raccomandati per il tempo trascorso negli intervalli euglicemici e iperglicemici senza aumentare il rischio di ipoglicemia.

Pubblicato in Diabetes Technology & Therapeutics il 16 ottobre 2019.