Terapie

L’uso di statine aumenta i rischi di diabete di nuova insorgenza, infezioni della pelle

L’uso di statine per un minimo di 91 giorni è associato ad un aumentato rischio di infezioni della pelle attraverso meccanismi diabetogeni e non diabetici, secondo i risultati pubblicati sul British Journal of Pharmacology.

Pubblicità

“L’uso diffuso di statine probabilmente continuerà con le linee guida in tutto il mondo che raccomandano l’impiego per la prevenzione delle malattie cardiovascolari”, Humphrey HT Ko, BSc, uno dottorando presso la School of Pharmacy and Biomedical Sciences della Curtin University di Perth, Australia occidentale. “Pertanto, è necessario che i medici siano consapevoli che l’uso di statine può associarsi al diabete tipo 2 nonché a un possibile aumento del rischio di infezioni della pelle. Gli utenti di statine che sono predisposti al diabete trarrebbero quindi probabilmente beneficio dal monitoraggio della glicemia. “

Ko e colleghi hanno eseguito un’analisi di simmetria di sequenza usando le dichiarazioni di prescrizione (2001-2011) del Dipartimento australiano dei Veterani per determinare le interrelazioni tra uso di statine e infezioni della pelle e dei tessuti molli, uso di statine e diabete, e diabete e infezioni della pelle e dei tessuti molli; nonché se le statine avevano aumentato il rischio di infezioni della pelle e dei tessuti molli indipendentemente dallo stato del diabete. I ricercatori hanno calcolato rapporti di sequenza regolati a 91, 182 e 365 giorni di utilizzo di statine.

Complessivamente, le statine sono state associate ad un aumentato rischio di infezioni della pelle e dei tessuti molli, con rischi simili osservati a 91 giorni (rapporto di sequenza aggiustato = 1,4; IC 95%, 1,29-1,52), 182 giorni (rapporto di sequenza aggiustato = 1,41; IC 95% , 1,33-1,5) o 365 giorni (rapporto di sequenza aggiustato = 1,4; IC al 95%, 1,34-1,47) di utilizzo di statine. I ricercatori hanno osservato la più forte associazione tra infezioni della pelle e dei tessuti molli e l’uso di atorvastatina e simvastatina.

Le statine erano anche associate a un maggior rischio di diabete di nuova insorgenza, con una leggera diminuzione del rischio gradualmente a 91 giorni (rapporto di sequenza aggiustato = 1,19; IC 95%, 1,11-1,26), 182 giorni (rapporto di sequenza aggiustato = 1,14; 95% CI, 1,08-1,21) e 365 giorni (rapporto di sequenza aggiustato = 1,09; IC al 95%, 1,04-1,15).

“Atorvastatina e simvastatina hanno anche contribuito maggiormente a questo risultato, sebbene i risultati individuali di atorvastatina e simvastatina non siano stati statisticamente significativi per 365 giorni”, hanno scritto i ricercatori.

Gli individui con diabete erano associati ad un aumentato rischio di infezioni della pelle e dei tessuti molli nelle finestre di 182 e 365 giorni, con rapporti di sequenza aggiustati di 1,2 (IC 95%, 1,09-1,32) e 1,24 (IC 95%, 1,15-1,33) , rispettivamente; tuttavia, il rischio non era significativo alla finestra di 91 giorni.

“Sono necessari ulteriori studi clinici per confermare questi meccanismi, nonché per accertare l’effetto delle statine sulla disbiosi intestinale, sul metabolismo degli acidi biliari compromesso, sui livelli di vitamina D e sull’inibizione del colesterolo sulla funzione della pelle”, hanno scritto i ricercatori. “Indipendentemente dai meccanismi attuali, sembrerebbe prudente per i medici monitorare i livelli di glucosio nel sangue degli utenti di statine che sono predisposti al diabete ed essere consapevoli del possibile accrescimento dei rischi di infezione della pelle e dei tessuti molli in tali pazienti.” 

Pubblicità

Categorie:Terapie

Con tag: