Terapie

Gli esperti propongono una nuova struttura sanitaria per aiutare le popolazioni che invecchiano a rimanere più sane a lungo

getmovingexeUn team internazionale di ricercatori ha presentato una dichiarazione di posizione, pubblicata su Science, che definisce un nuovo quadro sanitario per aiutare le popolazioni che invecchiano a rimanere più sane a lungo.

La dichiarazione è un “invito all’azione” per i governi, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e la comunità scientifica e medica per riunirsi e sviluppare le classificazioni e i sistemi di stadiazione che utilizzano il quadro come base per la diagnosi e il trattamento delle malattie legate all’età, compreso il trattamento diretto di tutti i tessuti e gli organi che invecchiano.

Pubblicità e progresso

Le malattie legate all’età senza adeguati criteri diagnostici e stadiazione della gravità limitano la capacità di prevenzione o trattamento e di sviluppare nuovi farmaci e interventi. In definitiva, questo ha un impatto sulla qualità della vita nei membri della società che invecchiano.

Esigenze insoddisfatte dell’invecchiamento della popolazione

Le popolazioni che invecchiano implicano cure sanitarie urgenti e insoddisfatte e necessità economiche legate alle malattie croniche e alla morbilità, che necessitano soluzioni a livello nazionale e internazionale. Le persone in tutto il mondo vivono più a lungo.

Oggi, per la prima volta nella storia, molte persone possono aspettarsi di vivere fino ai sessant’anni e oltre. Entro il 2020, il numero di persone di età pari o superiore a 60 anni supererà i bambini di età inferiore ai 5 anni. Entro il 2050, la popolazione mondiale di età pari o superiore a 60 anni dovrebbe raggiungere i 2 miliardi, rispetto ai 900 milioni del 2015 .

Le condizioni comuni in età avanzata includono dolore alla schiena e al collo e osteoartrosi, broncopneumopatia cronica ostruttiva, diabete, sarcopenia e demenza. Inoltre, con l’avanzare dell’età, è più probabile che si verifichino diverse condizioni contemporaneamente, comprese le condizioni avanzate che potrebbero essere state accumulate nel corso di decenni, le quali portano quindi ad altre malattie e rischi per la salute. Ricerca dedicata, nuova terminologia della malattia, metriche e metodi analitici sono necessari per una vasta gamma di problemi di invecchiamento al fine di diagnosticare e curare efficacemente.

Progettare il framework

Attualmente la classificazione e la stadiazione della gravità delle malattie legate all’età sono limitate perché incoerenti, incomplete e non sistematiche. Alcuni tipi di malattie che si possono trovare in molti organi, come l’invecchiamento intrinseco degli stessi, l’atrofia o lo spreco di organi, sono classificati in un organo ma non in un altro.

Per aiutare ad affrontare questo problema, un gruppo internazionale di esperti, scienziati e medici, guidato dal dottor Stuart Calimport, professore emerito dell’Università di Liverpool e supportato dal lettore Joao Pedro de Magalhaes dell’Università di Liverpool, ha creato una dichiarazione di posizione che definisce un quadro per classificare e mettere in scena in modo adeguato e completo la gravità delle malattie correlate all’invecchiamento. È importante sottolineare che la dichiarazione include l’invecchiamento a livello di tessuti e organi, nonché atrofia degli organi, rimodellamento patologico e calcificazione e malattie sistemiche e metaboliche correlate all’invecchiamento.

Stuart Calimport, ha dichiarato: “Tale quadro aumenterà la nostra capacità di sviluppare farmaci e interventi che mirano ai processi dell’invecchiamento e questi possono accumularsi con l’età, la cosa avrebbe benefici senza precedenti in relazione al trattamento e alla prevenzione di malattie gravi”.

Joao Pedro de Magalhaes, ha dichiarato: “L’invecchiamento è la più grande sfida biomedica del 21 ° secolo. In quanto tale, tale quadro aumenterà la nostra capacità di sviluppare farmaci e interventi di longevità che colpiscono le malattie legate alka vecchiaia e relativi processi”.

Guida politica e pratica

Mentre l’invecchiamento è classificato come una condizione all’interno della Classificazione internazionale delle malattie dell’OMS (ICD-11) in relazione all’invecchiamento cutaneo intrinseco e al fotoinvecchiamento, il quadro propone la classificazione dell’invecchiamento come condizioni in tutti gli organi, insieme alla classificazione completa di tutte le età: malattie e sindromi correlate.

Co-autore della dichiarazione di posizione, il professor Judith Campisi, Ph.D., del Buck Institute for Research on Aging, ha dichiarato: “Portare l’OMS e altri governi nello sforzo di identificare e classificare l’invecchiamento come condizione è l’unico modo in cui noi saranno in grado di affrontare le esigenze insoddisfatte dell’invecchiamento della popolazione in tutto il mondo.

“Questo sforzo fornisce un quadro che guiderà la politica e la pratica e consentirebbe interventi adeguati e l’assegnazione delle risorse. Ciò è particolarmente importante nei paesi che hanno meno risorse da dedicare alla cura dell’invecchiamento della popolazione”.