Equilibrio

Cinque motivi per cui può essere difficile parlare con il medico e quattro modi per farlo meglio

La pressione del tempo, i termini medici poco chiari e le convinzioni contrastanti possono rendere difficile per le persone parlare con il proprio medico, afferma un esperto di U che offre quattro suggerimenti per rendere la conversazione più significativa. 

Se hai mai lasciato l’ambulatorio con domande senza risposta che ti sentivi troppo affrettato o imbarazzato per porre, non sei solo, secondo l’endocrinologa dell’Università di Alberta Rose Yeung.

Una cattiva comunicazione, o insufficiente comunicazione, si verifica regolarmente tra i pazienti e i loro medici, infermieri, dietisti e persino naturopati, ha detto Yeung, che ha presentato un discorso intitolato “Co-creazione di cure per migliorare la medicina” durante il recente weekend degli ex alunni di A.

Pubblicità e progresso

Yeung ha affermato che il processo decisionale condiviso tra i pazienti e i loro fornitori di assistenza sanitaria porta ai migliori risultati.

“Il processo decisionale condiviso riconosce che il professionista sanitario ha formazione e accesso a prove scientifiche ed esperienza clinica e che il paziente ha il proprio set di esperienze, compresa l’istruzione, l’esperienza vissuta con una condizione medica, il contesto sociale e culturale”, ha detto Yeung.

“Il paziente e il professionista dovrebbero deliberare e elaborare insieme un piano di trattamento accettabile”.

Yeung ha affermato che una migliore comunicazione è fondamentale per garantire che le scoperte mediche vadano a beneficio di tutti i pazienti, ma ha identificato una serie di ostacoli.

Mancanza di tempo: questo è il problema più comune citato, ha detto Yeung. “Ci si aspetta che prendiamo decisioni molto rapidamente e che tutto quel contesto suscita, richiede tempo”.

Credenze contrastanti nell’era di Internet: “Le persone stanno giustamente mettendo in discussione le raccomandazioni e stanno portando molte informazioni diverse che i medici devono riconciliare e spiegare”, ha detto.

Linguaggio poco chiaro: il gergo medico può essere difficile da tradurre in un linguaggio semplice e anche termini semplici possono avere significati diversi. Ad esempio, quando i medici fanno una storia clinica, possono scrivere che il paziente nega l’uso di alcol o droghe ricreative. “Nel linguaggio laico, quando neghi qualcosa, potresti mentire al riguardo”, ha spiegato Yeung. “C’è una connotazione negativa attorno alla parola negazione, mentre in medicina è oggettivo.”

La natura prescrittiva della medicina: “L’insegnamento tradizionale è che dovresti semplicemente fare ciò che ti dice il medico”, ha detto Yeung. “La medicina deve evolversi per capire che i pazienti sono agenti molto attivi nella propria assistenza sanitaria e che dobbiamo lavorare insieme”.

Le persone non sono razionali al 100%: “Le persone non prendono sempre decisioni basate solo su informazioni oggettive basate sull’evidenza, ma possono anche essere influenzate da emozioni, malattie e altri fattori”, ha spiegato Yeung.

Yeung, che è anche professore a contratto presso la School of Public Health, membro dell’Alberta Diabetes Institute e direttore medico del Physician Learning Program presso la U di A, si è consultato con i pazienti per migliorare le informazioni disponibili su un sito Web sulla gravidanza e diabete e ora sta lavorando con i pazienti che hanno malfunzionamenti delle ghiandole surrenali per creare strumenti di comunicazione per loro, tra cui una scheda informativa per quando finiscono nei reparti di emergenza dell’ospedale.

Yeung ha affermato che la responsabilità del processo decisionale condiviso spetta sia ai pazienti che agli operatori sanitari.

“Le persone hanno bisogno di formazione sull’alfabetizzazione medica, su come comunicare con il loro team sanitario”, ha detto. “E mentre è vero che gli operatori sanitari hanno i loro preconcetti, non sono lettore della mente.”

Ecco i quattro consigli principali di Yeung per ottenere il massimo da un appuntamento medico:

  • Pensa alle domande in anticipo e scrivi le risposte mentre sei lì.
  • Chiedi al medico di spiegare le tue condizioni, di fornire istruzioni scritte, di insegnarti come misurare i miglioramenti e di coinvolgere la tua famiglia quando appropriato.
  • Chiedi una visita di follow-up, anche se è solo per rimanere in pista o avere più tempo per discutere di un problema.
  • Se non ti senti in grado di comunicare bene, informa il tuo medico in modo che possano rispondere alle tue preoccupazioni.