Batticuore

Dall’occhio al cuore

La retinopatia diabetica può indicare un aumento del rischio di malattie cardiovascolari nei pazienti con diabete di tipo 1: uno studio di controllo caso nidificato in Brasile.

La malattia cardiovascolare, la principale causa di morte in tutto il mondo, e la retinopatia diabetica, la principale causa di cecità nelle popolazioni economicamente attive, condividono i fattori di rischio clinici e le caratteristiche fisiopatologiche. Lo scopo di questo studio era volto ad esaminare l’associazione tra retinopatia diabetica, malattie cardiovascolari e fattori di rischio comuni nei pazienti con diabete di tipo 1 . 

Pubblicità e progresso

Questa indagine studio caso-controllo nidificato è stata condotta su pazienti del gruppo brasiliano di studio sul diabete di tipo 1, un sondaggio condotto a livello nazionale in Brasile e che ha arruolato 1.760 pazienti con diabete di tipo 1. Sono stati selezionati un totale di 342 pazienti (57 casi con malattia macrovascolare e 285 controlli che sono stati abbinati per la durata del diabete e del genere). 

Nell’analisi esplorativa, stratificata per malattie cardiovascolari, le seguenti variabili erano statisticamente significative: età (p = 0,037), ipertensione ( p = 0,035), alto indice di massa corporea ( p = 0,046), retinopatia diabetica ( p = 0,003) e malattia renale cronica ( p = 0,026). Con la regressione logistica multivariata, i pazienti con retinopatia diabetica avevano maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari (OR 2,16, IC 95% 1,16-4,02, p= 0,015). Sebbene in misura minore rispetto alla retinopatia diabetica, livelli più elevati di BMI erano anche correlati ad un aumento del rischio di malattie cardiovascolari di 1,08 (IC 95% 1,01-1,15, p = 0,024). 

La presenza di retinopatia diabetica indica un rischio maggiore di malattie cardiovascolari nei pazienti brasiliani con diabete di tipo 1. Ulteriori studi sono necessari per determinare se un esame non invasivo, come la fundoscopia, possa aiutare a identificare i pazienti che mostrano un aumentato rischio di malattie cardiovascolari.

Pubblicato in Frontiers of Endocrinology del 5 novembre 2019.