Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

La ricerca mira a rendere più accessibili le tecnologie per il controllo della glicemia

I ricercatori del Rensselaer Polytechnic Institute stanno sviluppando algoritmi per creare un sistema a circuito chiuso in grado di operare in modo efficace simile a un pancreas sano e stanno lavorando per rendere tale sistema più accessibile e comprensibile per gli utenti diabetici. Credito: Rensselaer

L’aumento del monitoraggio continuo della glicemia e delle tecnologie della pompa per insulina ha diminuito l’intricato compito di monitorare e regolare i livelli di glucosio nel sangue per le persone con diabete, ma i progressi in questi dispositivi potrebbero ancora migliorare significativamente la vita.

I ricercatori del Rensselaer Polytechnic Institute hanno lavorato su due fronti per perfezionare quelle tecnologie: stanno sviluppando algoritmi per creare un sistema a circuito chiuso in grado di operare in modo efficace simile a un pancreas sano e stanno lavorando per renderlo più accessibile e comprensibile per gli utenti con diabete.

Pubblicità e progresso

Un nuovo progetto finanziato da JDRF, la principale organizzazione globale che finanzia la ricerca sul diabete di tipo 1 , supporterà la creazione di un’app per smartphone per aiutare a gestire questi dispositivi salvavita, in particolare pensando alla popolazione di anziani. La ricerca sarà guidata da Wayne Bequette, professore di ingegneria chimica e biologica presso Rensselaer, che è anche membro del Center for Biotechnology and Interdisciplinary Studies.

All’inizio del progetto, ha detto Bequette, lui e il suo team lavoreranno con focus group, guidati dal Barbara Davis Center for Diabetes, per determinare quali tipi di design o interfacce possano essere più utili per questa popolazione, comprendendo che l’approccio potrebbe non funzionare per tutti.

Il team prenderà in considerazione aspetti come l’impostazione visiva, la dimensione del carattere, il numero e il tipo di avvisi che verranno inviati e l’esperienza dell’utente e il comfort con la tecnologia. Il team valuterà anche come potrebbe essere necessario condividere queste informazioni con un caregiver se il paziente necessita di assistenza.

“La domanda è: come presenterai loro un dispositivo che è molto facile da usare e che regolerà ancora i livelli di glucosio nel sangue “, ha detto Bequette. “Un risultato potrebbe essere l’aver bisogno di flessibilità per avere un paio di interfacce diverse”.

Il team di Rensselaer svilupperà i precedenti algoritmi progettati per valutare le misurazioni effettuate dal dispositivo di monitoraggio della glicemia, determinare se è necessario somministrare insulina e quanto e quindi controllare il rilascio di quell’ormone. Il sistema a circuito chiuso creato da questi algoritmi dovrà essere adeguato in base alla popolazione.

Ad esempio, ha detto Bequette, una persona con diabete di 12 anni può essere attiva in un modo molto diverso rispetto a qualcuno di 85 anni. Inoltre, più giovane è il paziente, più a lungo dovrà allontanare le complicanze associate alla glicemia alta come la malattia della retina, le complicanze vascolari e le ferite diabetiche. Pertanto, l’obiettivo principale è mantenere la glicemia più bassa possibile.

Più un paziente è anziano, ha detto Bequette, e le preoccupazioni possono spostarsi per assicurarsi che la glicemia non si abbassi troppo per evitare svenimenti e cadute.

“Dobbiamo pensare a quali sono gli obiettivi nel controllo della glicemia e questo sarà diverso per la popolazione anziana”, ha detto.

Nel secondo e terzo anno di questo progetto, i ricercatori di Rensselaer lavoreranno con i team del Mount Sinai e del Barbara Davis Center su studi clinici per testare questi algoritmi e l’interfaccia dell’applicazione. Associare gli anziani con questo tipo di tecnologia, ha detto Bequette, non è stato fatto fin’ora, ma potrebbe migliorare notevolmente la qualità della vita.

“Se cerchi in letteratura indagini sulla popolazione anziana che porta i sensori, non trovi molti studi”, ha detto Bequette.

A seconda dell’età e della salute della persona, questa tecnologia a circuito chiuso potrebbe consentire un’indipendenza prolungata.

“Se puoi avere questa tecnologia autosufficiente a circuito chiuso, allora il caregiver non deve dire costantemente: ‘Hai controllato la tua glicemia oggi? Hai cambiato la pompa dell’insulina?'”, Ha detto Bequette. “Una grande percentuale della popolazione con diabete tipo 1 in questo momento non usa le pompe per insulina, quindi gli operatori sanitari hanno a che fare un bel po’con la popolazione anziana “.