Sport e movimento

Muoviti: l’esercizio fisico può aiutare a ridurre il rischio di fratture delle donne anziane

Le donne anziane che praticano anche esercizi leggeri, come una camminata quotidiana, possono ridurre il rischio di soffrire di un’anca rotta, suggerisce un ampio studio.

Numerosi studi hanno collegato l’esercizio fisico regolare a un minor rischio di frattura dell’anca, una lesione potenzialmente invalidante o addirittura fatale per gli anziani. Ogni anno, oltre 300.000 persone negli Stati Uniti di età pari o superiore a 65 anni vengono ricoverate in ospedale per un’anca rotta, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Pubblicità e progresso

Il nuovo studio, condotto su oltre 77.000 donne statunitensi più anziane, ha analizzato a fondo i tipi di esercizi correlati al rischio di fratture dell’anca e altre fratture ossee.

I ricercatori hanno scoperto che, in media, le donne le quali si esercitavano regolarmente a qualsiasi intensità – dal camminare, al lavoro in giardino, al jogging – avevano un rischio inferiore di frattura dell’anca per 14 anni, rispetto alle donne inattive.

Tutto ciò suggerisce che anche un’attività leggera è sufficiente per contenere il rischio di queste gravi lesioni, ha affermato il leader dello studio Michael LaMonte, professore associato di ricerca presso la State University di New York a Buffalo.

“Siamo stati felici di vedere una forte relazione tra camminare e ridurre il rischio di fratture dell’anca”, ha detto. “Man mano che invecchiamo, facciamo naturalmente attività fisica meno faticosa . Ciò suggerisce che per ridurre il rischio di fratture dell’anca, non è necessario fare nulla di fantasioso. Basta una azione semplice come camminare.”

I risultati “supportano fortemente” le raccomandazioni di lunga data per le persone di adattare l’attività fisica alla loro routine quotidiana, secondo il Dr. Richard Bockman.

“Esci e cammina”, ha detto Bockman, capo del servizio endocrinologico presso l’Ospedale Madre Teresa di Calcutta, a New York City.

Le attività a basso impatto non hanno un grande effetto sulla densità ossea. Ma Bockman, che non è stato coinvolto nello studio, ha affermato che mentre la densità ossea è importante nel rischio di fratture dell’anca, anche altri fattori sono coinvolti. Includono la forza muscolare nella parte inferiore del corpo, l’equilibrio e l’agilità, poiché i fianchi rotti sono quasi sempre il risultato di una caduta.

I risultati, pubblicati online su JAMA Network Open, provengono dall’Iniziativa per la salute delle donne, uno studio iniziato negli anni ’90 in 40 centri medici statunitensi. Ha coinvolto più di 77.000 donne di età compresa tra 50 e 79 anni quando si sono iscritte.

All’inizio, le donne hanno riferito delle loro consuete attività fisiche, tra gli altri fattori dello stile di vita.

Per una media di 14 anni, un terzo delle donne ha subito una frattura ossea. Quando si trattava di fratture dell’anca, le donne che avevano riportato maggiori quantità di attività fisica all’inizio dello studio avevano in genere un rischio inferiore.

Ad esempio, le donne che hanno fatto regolarmente esercizio fisico da moderato a intenso, come camminare svelto o fare jogging, avevano un rischio inferiore del 12% di frattura dell’anca rispetto a quelle che erano meno attive. Ma c’era anche un legame tra “attività lieve” – come la danza lenta, il bowling o il golf – e il rischio di fratture dell’anca più basso. E più spesso le donne camminavano, a qualsiasi velocità, minore era il rischio di un’anca rotta.

Le notizie non erano tutte buone: le donne che si esercitavano a intensità da moderate a vigorose avevano un rischio relativamente più alto di fratture del polso o dell’avambraccio, rispetto alle donne meno attive.

Non è chiaro il perché, ma LaMonte ha offerto un’ipotesi: quando le donne con più “abilità funzionali” cadono, è più probabile che tendano un braccio per spezzare la caduta, che è il modo in cui spesso si verificano fratture del polso e dell’avambraccio .

Una domanda che lo studio non può affrontare, ha affermato LaMonte, è se iniziare l’esercizio in età avanzata riduca il rischio di fratture dell’anca. I partecipanti allo studio che erano fisicamente attivi potrebbero esserlo stati per tutta la vita.

Ma, ha detto, è chiaro che “sedersi di meno e muoversi di più” è fondamentale per la salute generale degli anziani, con benefici come un migliore controllo della pressione arteriosa e del diabete e un minor rischio di malattie cardiache.

Oltre all’esercizio fisico, gli adulti più anziani possono adottare altre misure per ridurre il rischio di fratture dell’anca, ha osservato LaMonte. Includono ottenere misurazioni della massa ossea come raccomandato dal medico e seguire una dieta sana con adeguate quantità di calcio e vitamina D.