Vista e dintorni

#wdd2019 Dalla cataratta alla degenerazione maculare: problemi agli occhi legati all’età e come trattarli

La cataratta è un problema di vista che può colpire chiunque invecchia. Succede quando la lente dell’occhio perde gradualmente la sua trasparenza.

Monique ha 77 anni. L’ho incontrata quando è venuta alla clinica oculistica all’Università di Montréal, dove sono professore. Insegnante in pensione, Monique ha goduto di una vita attiva e piena con i suoi studenti e la sua famiglia e si considera fortunata ad essere in buona salute.

È preoccupata, tuttavia, per una recente perdita visiva che le impedisce di leggere e godersi i suoi seminari di pittura. Le impedisce anche di guidare in sicurezza, il che è importante se vuole mantenere la sua indipendenza.

Pubblicità e progresso

Un esame completo della visione di Monique e della salute degli occhi ha rivelato rapidamente la causa dei suoi problemi: ha sviluppato la cataratta e la sua retina mostra i primi segni di degenerazione maculare.

La cataratta è un fenomeno normale, derivante dal processo di invecchiamento dell’occhio e che colpisce tutti, senza eccezioni. Si verificano quando la lente dell’occhio perde gradualmente la sua trasparenza , come una finestra che si sporca con le stagioni.

La luce che entra nell’occhio passa attraverso le aree opache e genera visione offuscata, senza la possibilità di migliorarla con occhiali, lenti o lenti di ingrandimento. Solo la chirurgia può ripristinare la chiarezza dell’occhio.

L’invecchiamento della lente cristallina

La lente cristallina è particolare e il suo metabolismo è molto fragile. Se disturbato, l’obiettivo accumula depositi e perde la sua trasparenza. Questa lente assorbe anche gran parte dei raggi ultravioletti del sole per proteggere la retina nella parte posteriore dell’occhio.

La quantità di UV assorbita si accumula nel corso degli anni, contribuendo all’invecchiamento precoce della lente. Ecco perché si consiglia di proteggersi con le lenti solari fin dalla tenera età.

Altri fattori che interrompono il suo funzionamento includono l’uso di alcuni farmaci come il cortisone orale, la presenza di malattie come il diabete o uno shock alla testa, che possono contribuire all’arrivo e alla progressione della cataratta. Molto raramente, la cataratta viene trasmessa durante la gravidanza, in particolare a seguito di infezioni come rosolia, toxoplasmosi e herpes.

Infine, sono stati stabiliti legami molto forti tra fumo e cataratta . Il cibo , d’altra parte, non sembra avere un impatto. Smettere di fumare e proteggere gli occhi con buoni occhiali da sole sono quindi considerati modi efficaci per ritardare l’insorgenza e la progressione della cataratta.

Impianti in soccorso

Il trattamento della cataratta è abbastanza semplice. L’oftalmologo eseguirà un intervento chirurgico per scambiare la lente naturale dell’occhio con una nuova lente, chiamata impianto. Questo intervento chirurgico è molto sicuro e può essere eseguito in qualsiasi momento durante lo sviluppo della cataratta, sebbene l’intervento venga solitamente offerto solo se vi è un impatto significativo sulla visione e sulla qualità della vita del paziente.

Gli impianti sono permanenti e rimangono chiari a vita, senza necessità di essere sostituiti. Possono essere utilizzati per correggere la visione a distanza, incluso l’astigmatismo, che verrebbe realizzato mediante l’uso di un impianto torico appositamente progettato. Inoltre, la miopia può essere riparata tramite impianti bifocali o multifocali, evitando così la necessità di occhiali in seguito, nella maggior parte dei casi .

Tuttavia, il paziente può essere soggetto a aloni e può essere più sensibile alla luce. È inoltre necessario assicurarsi che la retina sia in buona salute , altrimenti il ??risultato finale non sarà molto buono.

Dalla cataratta alla degenerazione maculare: problemi agli occhi legati all'età e come trattarli
Sono stati trovati legami molto forti tra fumo e degenerazione maculare. 

Questo è particolarmente vero per Monique, che ha anche l’inizio della degenerazione maculare legata all’età (AMD). Questo è un fenomeno che colpisce l’uno percento delle persone con più di 40 anni, ma la cui prevalenza raggiunge il 30 percento a 80 anni.

La popolazione a rischio è composta da caucasici (quelli di origine europea) e donne più che uomini. Le malattie sistemiche – tutto ciò che colpisce i vasi sanguigni come il diabete, l’ ipertensione , il colesterolo alto e l’obesità – sono importanti fattori di rischio, così come le cause ossidative come il fumo, un’alimentazione ricca di grassi saturi e l’esposizione ai raggi UV .

Prevenire la degenerazione maculare

In sostanza, le migliori cellule retiniche, che consentono una buona visione (area maculare), si degradano nel tempo se non ben nutrite dalla rete vascolare e accumulano depositi che ne impediscono il normale funzionamento .

Questi depositi diventano visibili come piccole macchie gialle sul fondo – la parte del bulbo oculare opposta alla pupilla. Questi depositi, noti come drusen, possono diventare confluenti. La degradazione delle cellule è accompagnata da un cambiamento nella loro colorazione (rielaborazione del pigmento), un fenomeno che è visibile anche quando si esamina la retina. Questo si chiama degenerazione maculare secca. La visione è più o meno influenzata a seconda del numero di cellule colpite.

Nel tempo, la risposta del sistema può portare alla formazione di nuovi vasi sanguigni per fornire cellule morenti. Questi sono fragili e non hanno un vero posto dove stare. Possono facilmente esplodere. La loro formazione della membrane, come le radici che invadono un tubo, e il loro flusso (sanguinamento) contribuiscono a una riduzione della visione molto grave. Questo è quando parliamo di degenerazione umida . Questa forma più grave colpisce il 10 percento dei casi di AMD, ma chiunque abbia la forma secca può progredire in questa fase.

Supplementi nutrizionali

I trattamenti AMD sono limitati e mirano a limitare la progressione della malattia. Non possono curarla. Smettere di fumare, una buona alimentazione, un regolare esercizio fisico e seguire le raccomandazioni del medico nel controllo delle malattie vascolari come diabete e ipertensione, può ritardare la progressione della forma secca di AMD.

Indossare occhiali da sole aiuta anche, anche nelle giornate nuvolose. Prendere omega 3 al giusto dosaggio ed estratti di olio di pesce può aiutare, sebbene i risultati più recenti abbiano messo in discussione questa strategia.

Nelle fasi più avanzate della forma secca, si consiglia l’ assunzione di integratori alimentari orali tra cui vitamine e antiossidanti, ad eccezione di alcuni pazienti con un particolare profilo genetico .

La forma umida è stata recentemente trattata efficacemente iniettando farmaci direttamente nell’occhio, per prevenire la formazione di nuovi vasi sanguigni. Queste iniezioni devono essere ripetute periodicamente e ripristinare la vista quando la procedura viene eseguita al momento opportuno .

Il caso di Monique è misto. Da un lato, è possibile migliorare notevolmente la sua visione a breve termine con un intervento chirurgico di cataratta, per il quale sarà affidata all’oftalmologia. Gli impianti proteggono dai raggi UV, un altro fattore che impedisce la progressione della degenerazione maculare. Questo le permetterà di guidare in sicurezza e riprendere le sue attività. Controllerà anche la sua dieta, che ammette sia carente, e prenderà integratori di omega. La sua AMD è in una fase troppo precoce per le vitamine o gli antiossidanti.

Monique non fuma e non sta assumendo farmaci per problemi vascolari. Se lo fa un giorno, seguirà le raccomandazioni del suo medico e inizierà un programma di esercizi leggeri. Camminare potrebbe essere abbastanza. Infine, verrà seguita ogni sei mesi in un ufficio di optometria, eseguirà semplici test di screening a casa e verrà consultata non appena si noterà un cambiamento.

Monique è rassicurata! Sarà in grado di rimanere attiva e indipendente per godersi i bei momenti della vita.

Autore

Langis Michaud
Professore Titolare. École d’optométrie. Université de Montréal