Compliance

Uno studio italiano di follow-up lungo 10 anni sulle complicanze microvascolari nei diabetici di tipo 1

Il carico delle complicanze microvascolari (nefropatia, retinopatia e polineuropatia periferica) influenza il rischio di eventi vascolari maggiori e mortalità per qualsiasi causa nel diabete di tipo 1: uno studio di follow-up di 10 anni.

È stato affermato che le complicanze microvascolari (MC) aumentano il rischio di malattie cardiovascolari nei soggetti diabetici. Tuttavia, l’effetto del carico di queste sul rischio di esiti vascolari maggiori e mortalità per tutte le cause nel diabete di tipo 1 è ancora scarsamente studiato. Gli endocrinologi della Sezione Diabete e Malattia Metabolica, Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università di Pisa e Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana, Italia, diretta dal professor Stefano Del Prato hanno valutato la relazione tra il carico di complicanze microvascolari e l’incidenza dei principali eventi cardiovascolari e la mortalità per tutte le cause in soggetti con diabete di tipo 1.

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno reclutato 774 partecipanti con diabete di tipo 1 in uno studio osservazionale a centro singolo su un follow-up di 10,8 ± 2,5 anni. I rapporti di rischio (HR) per esiti cardiovascolari e morte per tutte le cause associati a complicanze microvascolari sono stati determinati mediante analisi di regressione di Cox non aggiustata e corretta.

Su 774 individui, il 54,9% non aveva MC, il 32,3% 1 MC, il 9,7% 2 MC e il 3,1% 3 MC. Si sono verificati in totale 54 decessi (7,0%). Il tasso di mortalità è aumentato da no-MC 2,1% (Rif.) A 1 MC 7,2% (HR 3,54 [IC 95% 1,59-7,87]), 2 MC 14,7% (HR 6,41 [IC 95% 2,65-15,49]) e 3 MC 66,7 % (HR 41,73 [IC 95% 18,42-94,57], p <0,0001). Dopo gli aggiustamenti, le risorse umane erano: 1 MC 2,05 (IC 95% 0,88-4,76), 2 MC 1,98 (IC 95% 0,75-5,21), 3 MC 7,02 (IC 95% 2,44-20,20, p = 0,002). Quarantanove soggetti (6,7%) hanno avuto almeno un evento cardiovascolare e l’incidenza cumulativa è passata dal no-MC 2,2% (Rif.) A 1 MC 5,0%; (HR 2,27 [IC 95% 0,96-5,38]), 2 MC 26,8% (HR 12,88 [IC 95% 5,82-28,50]) e 3 MC 40,9% (HR 29,34 [IC 95% 11,59-74,25], p <0,0001) . Al momento delle rettifiche, le risorse umane erano: 1 MC 1,59 (IC 95% 0,65-3,88), 2 MC 4,33 (IC 95% 1,75-10,74), 3 MC 9,31 (IC 95% 3,18-27,25, p <0,0001).

Nel diabete di tipo 1, il carico di complicanze microvascolari aumenta in modo indipendente dose-dipendente il rischio di esiti cardiovascolari maggiori e mortalità per qualsiasi causa. La presenza e il numero di complicanze microvascolari devono essere considerati nella stratificazione del rischio cardiovascolare globale nel diabete di tipo 1.

Lo studio integrale è pubblicato nella rivista scientifica BMC Cardiovascular Diabetology del 16/11/2019.