Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

I diabetici di tipo 1 hanno difficoltà a controllare la glicemia nonostante i CGM

I ricercatori scoprono che alcune impostazioni di allarme CGM possono identificare in anticipo livelli pericolosi dello zucchero nel sangue.

Alcune caratteristiche e impostazioni dell’allarme dei device di monitoraggio continuo del glucosio (CGM) possono ottenere un migliore controllo della glicemia per le persone con diabete di tipo 1, secondo uno studio pubblicato sul Journal of the Endocrine Society.

Pubblicità e progresso

Il modo più comune per controllare la glicemia è il metodo con puntura delle dita. Questo test viene eseguito tra 1-6 volte al giorno ed è difficile per la maggior parte delle persone. L’uso di un CGM consente ai pazienti di controllare automaticamente la glicemia, anche mentre dormono. Questo frequente monitoraggio può portare a risultati migliori nella gestione del diabete, ma i pazienti con il tipo 1 devono ancora affrontare sfide che gli evitino il quotidiano dibattersi e dimenarsi valori glicemici alti e bassi.

“La gestione del diabete di tipo 1 è una battaglia costante tra livelli alti e bassi di zucchero nel sangue e molti pazienti che usano CGM continuano a lottare per trovare un equilibrio”, ha detto il corrispondente autore dello studio, Yu Kuei Lin, MD, della University of Utah School of Medicine a Salt Lake City, Utah. “Il nostro studio ha dimostrato in modo pionieristico che alcune funzioni e impostazioni di allarme CGM possono ottenere un migliore controllo della glicemia per i pazienti con diabete di tipo 1”.

In questo studio, i ricercatori hanno esaminato i dati di 95 pazienti con diabete di tipo 1 per comprendere meglio le associazioni tra le impostazioni di allarme CGM e i livelli di zucchero nel sangue. Hanno scoperto che diverse soglie di zucchero nel sangue CGM per allarmi di glicemia alta e bassa erano associate a vari esiti ipo / iperglicemici e suggeriscono che aggiustamenti a queste soglie potrebbero portare a una migliore gestione dell’ipo e dell’iperglicemia.

“Semplici regolazioni delle impostazioni di allarme CGM possono informare tempestivamente i pazienti sugli eventi di glicemia alta o bassa, in modo che possano essere in anticipo sui trattamenti quando necessario”, ha detto Lin.