Batticuore

Un semplice esame del sangue potrebbe prevedere meglio sia la nefropatia che il rischio cardiovascolare

I ricercatori hanno trovato un modo migliore per testare la malattia renale usando un semplice esame del sangue che è conveniente e sebbene sia disponibile nei laboratori del SSN non è ancora ampiamente usato.

Pubblicità

In uno studio, pubblicato su Nature Medicine e condotto dall’Università di Glasgow, i ricercatori hanno evidenziato che un semplice esame del sangue – il quale potrebbe essere facilmente adottato di routine nel SSN – è un modo migliore per misurare il rischio di malattie renali e cardiovascolari , offrendo una diagnosi più precisa e portando a risultati migliori per il paziente.

La malattia renale cronica caratterizzata da una graduale perdita della funzionalità renale nel tempo è comune e colpisce circa il 10% della popolazione. È anche associato a malattie cardiovascolari premature e mortalità e più raramente progredisce al punto in cui i pazienti hanno bisogno di dialisi o trapianti renali.

Tra i pazienti con malattia renale cronica, la riduzione del rischio di malattie cardiovascolari si basa su un’accurata diagnosi, riconoscimento del rischio e identificazione e trattamento precoci dei fattori di rischio.

Il dott. Jennifer Lees, dell’Istituto di Scienze cardiovascolari e mediche dell’Università di Glasgow, ha dichiarato: “Il nostro studio sottolinea l’importanza della funzione renale per la nostra salute generale , dato che la funzione renale non ottimale può portare ad un aumentato rischio di evento cardiovascolare.

“I nostri risultati indicano che i pazienti trarrebbero beneficio dal valore predittivo aggiunto dell’utilizzo di un test chiamato test della cistatina C. Speriamo di vederlo adottato come metodo primario per la diagnosi della malattia renale cronica, in particolare per quei pazienti con fattori di rischio di malattie cardiovascolari come diabete, ipertensione o obesità “.

Paddy Mark, professore di Nefrologia, ha aggiunto: “Per un costo relativamente basso – circa £ 2,50 per test – i medici possono utilizzare questo esame per ottenere una comprensione molto più chiara della salute renale di un paziente, nonché del rischio cardiovascolare. Con questa conoscenza, i medici è in grado di identificare e trattare i fattori di rischio in anticipo e, si spera, di salvare più vite nel processo “.

Lo studio ha utilizzato i dati di oltre 400.000 pazienti nella biobanca del Regno Unito e ha esaminato tre diversi test di funzionalità renale per eGFR, la velocità di filtrazione glomerulare stimata , per determinare quale fosse l’informazione più clinica per la previsione di malattie cardiovascolari e mortalità.

Utilizzando modelli statistici per confrontare i risultati, i ricercatori hanno stabilito che la formula della cistatina C è la migliore per prevedere il rischio cardiovascolare rispetto al metodo di creatinina sierica usato tradizionalmente.

Il test della cistatina C è disponibile nell’NHS da oltre 10 anni e presenta una serie di potenziali vantaggi rispetto alla creatinina sierica e si ritiene che sia una misura più sensibile per stimare la funzione renale. Tuttavia, la cistatina C è circa 10 volte più costosa della creatinina sierica a £ 2,50 per test, rispetto a £ 0,25 per la creatinina sierica. Attualmente la cistatina c viene utilizzata solo in ambienti altamente specializzati e non è disponibile in tutti gli ospedali.

Lees ha aggiunto: “Nonostante sia stato raccomandato dal National Institute for Health and Care Excellence (NICE), la misurazione della cistatina C non è stata ampiamente adottata nella pratica clinica, presumibilmente correlata all’incertezza sul valore aggiunto di un test più costoso.

“Speriamo che il nostro studio dimostri che l’adozione di questo semplice test fornirebbe ai medici una diagnosi di medicina di precisione per le malattie renali e il rischio cardiovascolare”.

Pubblicità

Categorie:Batticuore, Reni