Sport e movimento

Diabete tipo 1: L’esercizio fisico fa bene anche alla retina

Una frequente attività fisica è associata a un ridotto rischio di grave retinopatia diabetica nel diabete di tipo 1

Uno studio condotto dall’stituto di Genetica Folkhälsan, Centro di ricerca Folkhälsan, Biomedicum di Helsinki, Finlandia aveva lo scopo di indagare se l’attività fisica nel tempo libero (LTPA) fosse associata a un minor rischio di sviluppo di una retinopatia diabetica grave in soggetti con diabete di tipo 1.

Pubblicità e progresso

È stata eseguita un’analisi osservazionale prospettica nell’ambito della rete dati della nefropatia diabetica finlandese (FinnDiane) con un tempo medio di follow-up di 10,7 anni. Sono stati reclutati un totale di 1612 soggetti con diabete di tipo 1 e l’LTPA è stato valutato al basale utilizzando un questionario di autovalutazione validato. La retinopatia diabetica grave è stata definita come l’inizio del trattamento laser a causa della grave retinopatia proliferativa non proliferativa o maculopatia diabetica (identificata dal Registro delle cure per l’assistenza sanitaria).

Un totale di 261 pazienti ha ricevuto un trattamento laser durante il follow-up. Una maggiore frequenza di LTPA è stata associata a una minore incidenza di retinopatia diabetica grave (p = 0,024), una scoperta che è rimasta significativa dopo aggiustamento per sesso, durata, età all’insorgenza del diabete, funzione renale, BMI, trigliceridi e pressione sanguigna sistolica. Tuttavia, quando l’HbA 1c e il fumo sono stati aggiunti al modello di regressione di Cox, l’associazione non era più significativa.

LTPA frequente è associata a una minore incidenza di retinopatia diabetica grave durante il follow-up. La quantità totale o gli altri componenti di LTPA (intensità o durata di una singola sessione) non sono stati associati a retinopatia diabetica grave.

Pubblicato in Acta Diabetologica del 21 novembre 2019.