Counseling/consulenze

L’aumento dello stress può influenzare una maggiore prevalenza del diabete di tipo 1 tra i giovani transgender

La prevalenza del diabete di tipo 1 tra i giovani transgender e non conformi al genere è più di nove volte superiore a quella della popolazione generale, con i ricercatori che esplorano il ruolo dell’aumento dello stress psicologico tra gli adolescenti con entrambe le diagnosi, secondo i risultati di uno studio a centro singolo pubblicato in Pediatric Diabetes.

“Non v’è alcuna associazione riportata tra diabete di tipo 1 e l’identità di genere negli adolescenti”, afferma Santhi N. Logel , MD, della divisione di endocrinologia pediatrica e del diabete presso la Scuola di Medicina e Sanità Pubblica presso l’Università del Wisconsin-Madison, e colleghi in uno scritto sullo sfondo dello studio. “Tuttavia, un recente lavoro sugli adulti ha riscontrato una prevalenza 2,3 volte maggiore del diabete di tipo 1 nei pazienti osservati in una clinica transgender. Date le sfide sovrapposte il diabete di tipo 1 e il volto giovanile transgender, non binario e di genere / non conforme, l’identificazione di un’associazione tra diabete di tipo 1 e identità di genere potrebbe ulteriormente chiarire la comprensione di queste due popolazioni complesse “.

Logel e colleghi hanno analizzato i dati delle cartelle cliniche elettroniche di bambini e giovani di età compresa tra 10 e 21 anni con una diagnosi di diabete di tipo 1 (n = 2.017) o disforia di genere (n = 315) tra novembre 2007 e novembre 2017, calcolando i tassi di prevalenza per tipo 1 diabete e disforia di genere. Per gli adolescenti con diabete di tipo 1 e disforia di genere, sono state raccolte informazioni relative alla diagnosi, al trattamento e all’anamnesi psichiatrica.

I ricercatori hanno scoperto che la prevalenza per il diabete di tipo 1 era 2,69 per 1.000 e la prevalenza per la disforia di genere era 0,42 per 1.000. Otto adolescenti avevano entrambi il diabete di tipo 1 e la disforia di genere.

Tra gli adolescenti con disforia di genere, la prevalenza del diabete di tipo 1 era 9,4 volte superiore alla prevalenza del diabete di tipo 1 osservata nella popolazione generale (24,77 contro 2,68 per 1.000; P < 0,0001).

La maggior parte dei pazienti con diabete di tipo 1 e disforia di genere sono stati diagnosticati con diabete di tipo 1 prima della loro prima interazione con la clinica di genere, con un’età media alla diagnosi di 10 anni, secondo i ricercatori. Cinque adolescenti sono stati osservati in una clinica per la disforia di genere e, secondo i ricercatori, i risultati glicemici inizialmente sono migliorati dopo la prima visita in clinica.

“Mentre i risultati di una revisione EMR devono essere interpretati con cautela, questi supportano uno studio precedente sull’adulto che riportava una maggiore prevalenza del diabete di tipo 1 nei pazienti osservati in una clinica transgender”, hanno scritto i ricercatori.

I ricercatori hanno notato come gli adolescenti con diabete di tipo 1 che hanno ricevuto interventi medici di affermazione di genere hanno sperimentato un iniziale miglioramento degli esiti glicemici che non è stato sostenuto.

“Questa scoperta suggerisce che la riduzione dello stress dovuta all’inizio della terapia ormonale che afferma il genere porta a un miglioramento a breve termine del controllo del diabete negli adolescenti con diabete di tipo 1 e disforia di genere”, hanno scritto i ricercatori. –