Sport e movimento

Un nuovo studio condotto dall’OMS afferma che la maggior parte degli adolescenti in tutto il mondo non sono sufficientemente attivi fisicamente, mettendo a rischio la loro salute attuale e futura

Le prime tendenze globali in assoluto per insufficiente attività fisica dell’adolescente mostrano che è necessaria un’azione urgente per aumentare i livelli di attività fisica in ragazze e ragazzi di età compresa tra 11 e 17 anni. Lo studio, pubblicato sulla rivista The Lancet Child & Adolescent Health e prodotto dai ricercatori dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), rileva che oltre l’80% degli adolescenti che frequentano la scuola a livello mondiale non ha soddisfatto le attuali raccomandazioni di almeno un’ora di attività fisica al giorno – compreso l’85% delle ragazze e il 78% dei ragazzi.

Pubblicità

Lo studio – che si basa sui dati riportati da 1,6 milioni di studenti tra 11 e 17 anni – rileva che in tutti i 146 paesi studiati tra il 2001 e il 2016 le ragazze erano meno attive dei ragazzi in tutti tranne quattro (Tonga, Samoa, Afghanistan e Zambia).

La differenza nella proporzione di ragazzi e ragazze che soddisfano le raccomandazioni è stata superiore a 10 punti percentuali in quasi uno su tre paesi nel 2016 (29%, 43 su 146 paesi), con le maggiori lacune riscontrate negli Stati Uniti d’America e in Irlanda ( più di 15 punti percentuali). La maggior parte dei paesi dello studio (73%, 107 su 146) ha visto aumentare questo divario di genere tra il 2001 e il 2016.

Salute dei giovani compromessa da insufficiente attività fisica

Gli autori affermano che i livelli di attività fisica insufficiente negli adolescenti continuano ad essere estremamente elevati, compromettendo la loro salute attuale e futura. “Ora è necessaria un’azione politica urgente per aumentare l’attività fisica, in particolare per promuovere e mantenere la partecipazione delle ragazze all’attività fisica”, afferma l’autore dello studio Dr.essa Regina Guthold, OMS.

I benefici per la salute di uno stile di vita fisicamente attivo durante l’adolescenza includono una migliore forma cardiorespiratoria e muscolare, salute delle ossa e cardiometabolica ed effetti positivi sul peso. Vi sono inoltre prove crescenti che l’attività fisica ha un impatto positivo sullo sviluppo cognitivo e sulla socializzazione. Le prove attuali suggeriscono che molti di questi benefici continuano fino all’età adulta.

Per ottenere questi benefici, l’OMS raccomanda agli adolescenti di svolgere un’attività fisica moderata o vigorosa per un’ora o più al giorno.

Gli autori hanno stimato quanti bambini di età compresa tra 11 e 17 anni non soddisfano questa raccomandazione analizzando i dati raccolti attraverso indagini scolastiche a livello di attività fisica. La valutazione includeva tutti i tipi di attività fisica, come il tempo trascorso in giochi attivi, attività ricreative e sportive, faccende domestiche attive, passeggiate e ciclismo o altri tipi di trasporto attivo, educazione fisica ed esercizio fisico pianificato.

Per migliorare i livelli di attività fisica tra gli adolescenti, lo studio raccomanda che:

  • È necessario un urgente ridimensionamento di politiche e programmi efficaci noti per aumentare l’attività fisica negli adolescenti;
  • È necessaria un’azione multisettoriale per offrire ai giovani opportunità di essere attivi, coinvolgendo istruzione, pianificazione urbana, sicurezza stradale e altri;

I più alti livelli sociali della società, compresi i leader nazionali, cittadini e locali, dovrebbero promuovere l’importanza dell’attività fisica per la salute e il benessere di tutte le persone, compresi gli adolescenti.

“Lo studio evidenzia che i giovani hanno il diritto di giocare e dovrebbero avere l’opportunità di realizzare il loro diritto alla salute e al benessere fisici e mentali”, afferma la coautrice dott.essa Fiona Bull, OMS. “Una forte volontà politica e azione possono affrontare il fatto che quattro su cinque adolescenti non sperimentano il godimento e i benefici per la salute mentale, sociale e fisica dell’attività fisica regolare. I responsabili politici e le parti interessate dovrebbero essere incoraggiati ad agire ora per la salute di questa e delle giovani generazioni future. “

Le tendenze dell’attività fisica mostra un leggero miglioramento per i ragazzi, nessuno per le ragazze

Il nuovo studio ha stimato per la prima volta come sono cambiate le tendenze tra il 2001 e il 2016, applicando le tendenze di 73 paesi che hanno ripetuto i sondaggi durante quel periodo in tutti i 146 paesi.

A livello globale, la prevalenza di attività fisica insufficiente è leggermente diminuita nei ragazzi tra il 2001 e il 2016 (dall’80% al 78%), ma non vi è stato alcun cambiamento nel tempo nelle ragazze (rimanendo all’85% circa).

I paesi che mostrano le maggiori diminuzioni nei ragazzi che sono insufficientemente attivi sono stati il ??Bangladesh (dal 73% al 63%), Singapore (dal 78% al 70%), la Thailandia (dal 78% al 70%), il Benin (dal 79% al 71%), l’Irlanda (Dal 71% al 64%) e negli Stati Uniti (dal 71% al 64%). Tuttavia, tra le ragazze, i cambiamenti sono stati piccoli, che vanno da una diminuzione di 2 punti percentuali a Singapore (dall’85% all’83%) a un aumento di 1 punto percentuale in Afghanistan (dall’87% all’88%).

Gli autori osservano che se queste tendenze continuano, l’obiettivo globale di una riduzione relativa del 15% in un’attività fisica insufficiente – che porterebbe a una prevalenza globale inferiore al 70% entro il 2030 – non sarà raggiunto. Questo obiettivo è stato raggiunto da tutti i paesi in occasione dell’Assemblea mondiale della sanità nel 2018.

Nel 2016, le Filippine sono state il paese con la più alta prevalenza di attività insufficiente tra i ragazzi (93%), mentre la Corea del Sud ha mostrato i livelli più alti tra le ragazze (97%) ed entrambi i sessi combinati (94%). Il Bangladesh è stato il paese con la più bassa prevalenza di attività fisica insufficiente tra ragazzi, ragazze ed entrambi i sessi combinati (63%, 69% e 66%, rispettivamente).

Alcuni dei livelli più bassi di attività insufficiente nei ragazzi sono stati trovati in Bangladesh, India e Stati Uniti. Gli autori osservano che i livelli più bassi di insufficiente attività fisica in Bangladesh e India (dove il 63% e il 72% dei ragazzi non erano sufficientemente attivi nel 2016, rispettivamente) potrebbero essere spiegati dalla forte attenzione agli sport nazionali come il cricket. Tuttavia, i tassi statunitensi (64%) possono essere guidati da una buona educazione fisica nelle scuole, da una copertura mediatica pervasiva degli sport e da una buona disponibilità di club sportivi (come hockey su ghiaccio, football americano, pallacanestro o baseball).

Per le ragazze, i livelli più bassi di attività insufficiente sono stati osservati in Bangladesh e in India e sono potenzialmente spiegati da fattori sociali, come l’aumento delle faccende domestiche in casa per le ragazze.

Un’attività insufficiente tra gli adolescenti è una delle principali preoccupazioni

La tendenza delle ragazze a essere meno attiva rispetto ai ragazzi è preoccupante”, ha dichiarato la coautrice dello studio Dr.essa  Leanne Riley, OMS. “Sono necessarie maggiori opportunità per soddisfare le esigenze e gli interessi delle ragazze per attrarre e sostenere la loro partecipazione all’attività fisica nell’attraversamento dall’adolescenza all’età adulta.”

Per aumentare l’attività fisica dei giovani, i governi devono identificare e affrontare le molte cause e disuguaglianze – sociali, economiche, culturali, tecnologiche e ambientali – che possono perpetuare le differenze tra ragazzi e ragazze, hanno affermato gli autori.

“I paesi devono sviluppare o aggiornare le loro politiche e allocare le risorse necessarie per aumentare l’attività fisica”, afferma la Bull. “Le politiche dovrebbero aumentare tutte le forme di attività fisica, anche attraverso l’educazione fisica che sviluppa l’alfabetizzazione fisica, più sport, giochi attivi e opportunità ricreative – oltre a fornire ambienti sicuri in modo che i giovani possano camminare e pedalare con autonomia. Un’azione globale richiede impegno con più settori e parti interessate, tra cui scuole, famiglie, fornitori di sport e attività ricreative, urbanisti e leader di città e comunità. “

Pubblicità