Compliance

Invecchiamento in buona salute con un allenatore online

Le persone anziane possono migliorare il loro stile di vita e adottare comportamenti più sani con il supporto di un allenatore online. Questo può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e demenza. Un gruppo internazionale di ricercatori, guidato dal Centro medico dell’Università di Amsterdam nei Paesi Bassi e comprendente il Centro di ricerca clinica, Istituto di medicina clinica, neurologia, presso l’Università della Finlandia orientale (UEF), ha riportato questi risultati su The Lancet Digital Health .

2724 persone di età pari o superiore a 65 anni con un aumentato rischio di malattie cardiovascolari e demenza hanno preso parte al progetto HATICE (“Invecchiamento in buona salute attraverso Internet Counselling nell’Anziano”). I partecipanti sono stati reclutati in Olanda, Finlandia e Francia. La metà dei partecipanti, il gruppo di intervento , era in contatto con un coach sui stili di vita attraverso Internet e poteva fissare obiettivi per migliorare la propria salute , nonché monitorare i propri progressi verso uno stile di vita più sano su un sito Web sviluppato appositamente per questo scopo. L’obiettivo principale è stato posto sul miglioramento della pressione sanguigna, dell’inattività fisica, del sovrappeso, del fumo e del colesterolo alto. L’altra metà, il gruppo di controllo, aveva accesso a un sito Web che forniva informazioni generali sulla salute, ma nessun contatto con un trainer.

Pubblicità e progresso

Durante l’intervento di 18 mesi, il 90% dei partecipanti al gruppo di intervento ha fissato almeno un obiettivo legato al proprio stile di vita con il supporto del proprio allenatore. I ricercatori hanno studiato l’effetto su una misura composita per il rischio di malattie cardiovascolari, tra cui pressione sanguigna, indice di massa corporea (BMI) e colesterolo. La ricerca mostra che il gruppo di intervento ha avuto un miglioramento modesto, ma significativo, rispetto al gruppo di controllo. Questo effetto è stato il più grande tra i partecipanti che erano più attivi sul sito Web: il punteggio di rischio di malattie cardiovascolari è migliorato per ogni obiettivo aggiuntivo impostato.

“Nel complesso, questa è stata un’esperienza molto positiva per le 900 persone hanno partecipato alla parte finlandese del progetto, presso l’Unità di ricerca sul cervello UEF”, afferma la professoressa Hilkka Soininen, capo investigatrice del progetto HATICE presso l’UEF.

Sebbene questi risultati siano promettenti, i ricercatori sottolineano che la prevenzione richiede uno sforzo a lungo termine. “Questo è uno studio di prevenzione multinazionale molto interessante a seguito del riuscito studio FINGER, che in precedenza ha dimostrato come l’intervento sullo stile di vita multidominio può ridurre il rischio di declino cognitivo. In HATICE abbiamo visto che la tecnologia moderna, come l’autogestione con un coach online, può essere un preziosa aggiunta all’assistenza sanitaria regolare anche nelle persone anziane. Questo tipo di intervento dovrebbe essere testato su scala più ampia, per confermare se gli effetti benefici sono sostenibili nel tempo e, a lungo termine, portano a un minor numero di attacchi di cuore, ictus e demenza “, afferma la professoressa Miia Kivipelto, capo investigatrice del progetto HATICE presso il Karolinska Institutet e professore di neurogeriatria presso l’Istituto di sanità pubblica e clinica Nutrizione, UEF.

Il ricercatore capo presso il Centro medico dell’Università di Amsterdam, il dott. Edo Richard, afferma: “Anche se l’entità dell’effetto è relativamente piccola, questo tipo di approccio richiede tempo e maggiori effetti sono più probabili nelle persone con un rischio più elevato di malattie cardiovascolari o con meno accesso alle cure sanitarie, come le persone nei paesi a basso e medio reddito , nonché le persone in Europa con uno status socioeconomico inferiore. “

Categorie:Compliance, Educazione

Con tag:,