Complicanze varie/eventuali

Telecamere termiche efficaci nel rilevamento dell’artrite reumatoide

Un nuovo studio, pubblicato oggi su Scientific Reports, evidenzia che l’imaging termico ha il potenziale per diventare un metodo importante nel valutare l’artrite reumatoide.

I risultati dello studio, condotto con 82 partecipanti, confermano che la temperatura del palmo e delle dita aumenta significativamente nei pazienti con artrite reumatoide (RA).

Pubblicità e progresso

I pazienti con AR sono stati esaminati da due reumatologi. Un sottogruppo di questi partecipanti è stato sottoposto a ecografia diagnostica da un reumatologo addestrato al fine di garantire che i partecipanti reclutati non avessero segni attivi di sinovite nelle loro mani e nei polsi.

Il dott. Alfred Gatt, dell’Università di Malta e consulente alla Staffordshire University, è stato l’autore principale del rapporto. Ha spiegato “Abbiamo usato la termocamera Flir T630 ed seguito le linee guida dell’American Thermology Association.

“I risultati del nostro studio mostrano che le due curve di probabilità si intersecano a 31,5 per le temperature delle palme, indicando come gli individui con una temperatura dei palmi inferiore al 31,5 per cento hanno maggiori probabilità di essere sani; mentre quelli con una temperatura dei palmi inferiore al 31,5 hanno più probabilità di artrite reumatoide. Analogamente, per le temperature delle dita, le due curve di probabilità si intersecano al 30,3 per cento. “

“Sebbene l’ecografia non abbia rilevato cambiamenti significativi nella nostra popolazione di studio, la termografia ha segnalato un possibile processo patologico in corso riportando queste temperature più elevate”.

“Ipotizziamo che questa differenza di temperatura possa essere attribuita all’attività patologica subclinica sottostante oppure che il processo infiammatorio originale possa causare cambiamenti termici irreversibili che persistono dopo che l’attività della malattia si è risolta. Avremo bisogno di ulteriori studi per confermarlo.”

Il dott. Gatt ha aggiunto: “L’imaging termico è una tecnologia emergente nell’ambito della medicina e ha il potenziale per diventare un importante strumento clinico poiché i processi patologici possono variare l’entità e il modello del calore emesso in una persona con artrite reumatoide”.

La professoressa associata Cynthia Formosa, anche lei dell’Università di Malta e consulente presso la Staffordshire University, ha dichiarato: “Questo è il primo studio per esplorare i modelli termografici di pazienti con artrite reumatoide confrontandoli con controlli sani. I nostri risultati hanno mostrato chiaramente che una mano RA senza sinovite attiva [il termine medico per infiammazione della membrana sinoviale] mostra temperature più elevate rispetto agli individui sani “.

Il professor Nachi Chockalingam, direttore del Center for Biomechanics and Rehabilitation Technologies della Staffordshire University è stato coautore dello studio. Ha aggiunto: “L’artrite reumatoide colpisce più di 400.000 adulti nel Regno Unito che possono portare a deformità, disabilità e problemi cardio-vascolari. Il rilevamento tempestivo della sinovite in atto nell’AR è di fondamentale importanza per aiutare a controllare lo stretto controllo delle malattie. Tuttavia, sappiamo che l’AR può essere difficile da diagnosticare “.

“Questo lavoro mette in mostra la nostra proficua collaborazione con i colleghi di Malta e il potenziale imaging termico nell’aiutare i professionisti a valutare la malattia. Oltre a dare alcuni contributi scientifici fondamentali, il nostro lavoro di ricerca collaborativa informa lo sviluppo e l’insegnamento del nostro curriculum”.