Complicanze varie/eventuali

Un interessante studio sull’ipoglicemia nei diabetici danesi

Associazione di ipoglicemia grave con mortalità per le persone con diabete mellito durante un follow-up di 20 anni in Danimarca: uno studio di coorte.

L’ipoglicemia grave ha un significativo effetto deteriorante sulla qualità della vita dell’individuo ed è stata associata ad un aumento della mortalità. Lo scopo di questo studio era di studiare la mortalità tra le persone con diabete di tipo 1 e di tipo 2 che soffrivano di grave ipoglicemia in Danimarca negli ultimi due decenni.

Pubblicità e progresso

Le persone con diagnosi di diabete di tipo 1 (n = 44.033) e di tipo 2 (n = 333.581) sono state estratte dal registro sanitario popolazione danese dal 1996 al 2017 tramite i codici del diabete ICD-10 e i codici dei farmaci per il diabete ATC. Le persone che soffrono di ipoglicemia grave (diabete di tipo 1 n = 8808, diabete di tipo 2 n = 5605) come identificato dai codici ICD-10 sono state quindi abbinate 1: 1 per anno di nascita, sesso e anno di diagnosi di diabete con quelli senza ipoglicemia grave. Sono stati costruiti modelli di rischi proporzionali di Cox per analizzare l’effetto della grave ipoglicemia sulla mortalità.

Per entrambe le persone con diabete di tipo 1 (HR 1,11, IC 95% da 1,06 a 1,17) e diabete di tipo 2 (HR 1,77, IC 95% da 1,67 a 1,87) affetti da ipoglicemia, è stato osservato un aumento del rischio di mortalità, rispetto alle persone senza ipoglicemia grave. Un’indagine sulle cause di morte non ha indicato un’associazione tra i gravi episodi ipoglicemici e la morte.

In questo studio, episodi ipoglicemici gravi hanno aumentato il rischio di mortalità per le persone con diabete di tipo 1 e di tipo 2. Il rischio era più alto tra le persone con diabete di tipo 2. Se l’ipoglicemia grave è un sintomo di altre malattie sottostanti che aumentano il rischio di mortalità o se un fattore di rischio stesso necessita di ulteriori indagini.

Pubblicato in Acta Diabetologica il 21 novembre 2019