Complicanze varie/eventuali

Uno studio collega l’inquinamento atmosferico a nove cause di morte

Un nuovo studio ha identificato nove cause specifiche di morte correlate all’esposizione all’inquinamento atmosferico del particolato fine nell’ambiente.

Inoltre, i dati, pubblicati oggi su JAMA Network Open, indicano che i neri e coloro che vivono in comunità svantaggiate dal punto di vista socioeconomico sono colpiti in modo sproporzionato dalla morte associata all’inquinamento atmosferico. .

Pubblicità e progresso

I risultati dello studio di coorte longitudinale su 4.522.160 veterani negli Stati Uniti contigui sono stati seguiti dal 2006 al 2016 collegando l’esposizione al particolato fine (PM 2.5 ) con un eccesso di decessi dovuto a quanto segue:

  • malattie cardiovascolari (56.070,1 decessi; intervallo di incertezza del 95% [UI], 51.940,2-60,318,3);
  • malattia cerebrovascolare (40.466,1 decessi; 95% UI, 21.770,1-46.487,9);
  • malattia renale cronica (7.175,2 decessi; UI 95%, 5.910,2-8,371,9);
  • BPCO (645,7 decessi; 95% UI, 300,2-2,490,9);
  • demenza (19.851 morti; 95% UI, 14.420,6-31.621,4);
  • diabete di tipo 2 (501,3 decessi; 95% UI, 447,5-561,1);
  • ipertensione (30.696,9 morti; 95% UI, 27.518,1-33.881,9);
  • carcinoma polmonare (17.545,3 decessi; 95% UI, 15.055,3-20,464,5); e
  • polmonite (8.854,9 morti; UI 95%, 7.696,2-10.710,6).

Complessivamente, dopo la calibrazione, l’onere della morte per cause non accidentali e malattie non trasmissibili associate al PM 2.5 era di 197.905,1 decessi (UI del 95%, 183.463,3-213.644,9) e 188.540,3 decessi (intervallo di incertezza del 95%, 173.883,7-209,786,3), rispettivamente. Inoltre, i tassi di mortalità standardizzati stimati per età erano 51,4 per 100.000 persone per cause non accidentali e 48,4 per 100.000 persone per malattie non trasmissibili.

In particolare, si è verificata una significativa variazione geografica dei decessi in relazione all’esposizione al PM 2,5 , con tassi di mortalità standardizzati per età dovuti a cause non accidentali e malattie non trasmissibili che si raggruppano in alcune parti del Midwest, degli Appalachi e del Sud.

Inoltre, i tassi medi di mortalità standardizzati per età dovuti a cause non accidentali erano più alti tra i neri rispetto ai non neri (55,2 contro 51 per 100.000) e tra quelli che vivono in contee con deprivazione socioeconomica alta o bassa (65,3 contro 46,1 per 100.000 ).

I ricercatori hanno anche scoperto che il 99% del carico stimato di morte a causa di cause non accidentali e malattie non trasmissibili era correlato alle concentrazioni di PM 2,5 al di sotto delle attuali linee guida dell’Agenzia per la protezione ambientale.

“Forniamo prove di un’associazione tra l’inquinamento atmosferico del PM 2.5 e nove cause di morte – espandendo di tre l’elenco delle cause specifiche di morte associate all’inquinamento atmosferico del particolato ambientale”, hanno scritto i ricercatori.

“I nostri risultati forniscono ulteriori prove del fatto che le disparità razziali e le disparità socioeconomiche non razziali contribuiscono in modo misurabile e indipendente all’onere della morte associato all’esposizione al PM 2.5 . Infine, forniamo stime secondo cui quasi tutti i decessi attribuibili all’inquinamento atmosferico negli Stati Uniti contigui sono associati a concentrazioni di inquinamento atmosferico ambientale inferiori agli attuali standard EPA, un risultato che standard di qualità dell’aria PM2.5 più rigorosi così da poter ridurre ulteriormente il bilancio nazionale delle vittime associato all’inquinamento atmosferico.”