Donne e diabete

Le domande più frequenti sul diabete gestazionale

Non hai mai perso un appuntamento o una vitamina prenatale. Ti alleni esattamente tanto e tutte le volte che il tuo fornitore raccomanda. Hai eliminato lo zucchero in eccesso dai tuoi pasti, evitato il cibo spazzatura, seguito una dieta ricca di proteine ??e ferro e non riesci nemmeno a ricordare il gusto dell’alcol. Hai fatto tutto bene. Quindi, a circa otto settimane dalla data del parto, fai un test della glicemia e il tuo fornitore ti informa: hai sviluppato il diabete gestazionale.

Il diabete gestazionale (GD) è in realtà una condizione temporanea piuttosto comune che si verifica nel 2-10% delle gravidanze, quando i livelli di zucchero nel sangue sono più alti del normale. Ciò non rende l’ansia meno inducente però. In un momento in cui sei molto in sintonia con tutto ciò che potrebbe andare storto con il bambino dentro di te, la diagnosi spesso arriva come uno shock, soprattutto perché la GD può verificarsi in donne senza precedenti di diabete.

Pubblicità e progresso

Le cause della GD sono ancora sconosciute e, in molti casi, non prevenibili, ma capire cosa puoi fare per gestire la condizione e come ti influenzerà in futuro è il primo passo per gestire l’ansia al riguardo – più capisci, più avrai il controllo della situazione che sentirai.

Cosa ho fatto di sbagliato? Avrei potuto evitarlo?

La semplice risposta è: no. Ogni gravidanza può potenzialmente sviluppare GD. Tuttavia, ci sono alcune cose che puoi fare per ridurre il rischio, a partire dal mantenimento di un peso sano durante la gravidanza. Certo, è più facile a dirsi che a farsi, soprattutto quando arrivano le voglie e sei tentata di “mangiare per due”. Abbina quelle voglie al desiderio di cibo spazzatura che di solito si accompagna all’ansia, alla fatica o alla nausea della gravidanza, e fare scelte sane può sembrare quasi impossibile.

Prova un esercizio mentale per usare l’ottica “mangiare per due” a tuo vantaggio – invece di lavorare contro di te, lascia che ti spinga a mangiare intenzionalmente. Immagina che il tuo bambino sia fuori dall’utero e gli stai dando da mangiare nel seggiolone. Non gli daresti da mangiare gelati o biscotti in quello scenario, quindi non dargli da mangiare cibo spazzatura adesso. Pensa attivamente al tuo bambino che mangia tutto il cibo che fai può aiutarti a prendere decisioni più sane.

Quando devo entrare in modalità panico?

La risposta breve è: non farlo. Lo shock di una diagnosi di GD può essere difficile da recuperare: può essere facile incolpare te stessa, cercare di nuovo durante la gravidanza di chiedersi cosa avresti potuto fare per prevenirlo. Resistere alla tentazione di scivolare nell’auto-colpa. Invece, ricorda che il diabete gestazionale è curabile e concentrati sugli aspetti positivi. Probabilmente il tuo bambino sta iniziando a calciare e muoversi molto nel tuo grembo materno in questa fase della gravidanza e può ascoltare musica e parlare al di fuori del grembo materno – concentrati sulla vita che sta crescendo dentro di te, conversa con il tuo bambino e fidati della guida del tuo fornitore per il resto.

Può essere facile lasciare che la paura prenda il sopravvento. Pensare che le tue scelte di vita possano aver influito sulla tua diagnosi può essere stressante e oneroso. Il modo migliore per gestire queste ansie è apportare cambiamenti positivi invece di perdere tempo ed energia preoccupandoti di loro. Se ritieni che le tue abitudini necessitino di qualche aggiustamento, parla con il tuo fornitore del modo migliore per seguire uno stile di vita più sano.

Mi è stato diagnosticato GD. E adesso?

La migliore risposta è: non sederti e preoccuparti. Concentrati sulle cose su cui hai il controllo per ridurre lo stress: vale a dire, dieta ed esercizio fisico. A meno che tu non abbia già in atto un piano per l’esercizio fisico e un’alimentazione sana, cercare di elaborare un piano nell’ultimo trimestre di gravidanza può essere incredibilmente scoraggiante, ma c’è un vantaggio: più intenzionalmente stai seguendo una routine sana, meno tempo avrai per l’ansia. Quindi bere molta acqua, mangiare un po’ di proteine, fare una passeggiata e lasciare che le endorfine prendano il sopravvento da lì.

Trova te stesso un partner di responsabilità – un amico, un pubblico nei social media, persino te stesso. Qualcosa di semplice come l’inserimento nel diario del tuo esercizio quotidiano e della dieta può mantenerti motivata, e scegliere un momento specifico durante il giorno che è conveniente per l’attività e impegnarti ad allenarti in quel momento renderà molto più facile conservare una routine di allenamento. Sarai sorpresa di come il controllo sulla tua routine si tradurrà in meno ansia per situazioni che non puoi controllare.

E il futuro? Dovrei essere preoccupata per la mia salute?

La buona notizia è che hai molto controllo sulla salute futura di te e tuo figlio. Con un attento monitoraggio e gestione, la maggior parte delle donne a cui è stata diagnosticata la GD avrà una gravidanza in buona salute, e anche se ti viene diagnosticata la GD, tuo figlio ha un rischio maggiore di obesità o diabete di tipo 2 e hai una probabilità del 50% di sviluppare il diabete di tipo 2 più avanti nella vita, uno stile di vita sano riduce i rischi in modo esponenziale.

Usa lo slancio della gestione del tuo GD per portare avanti le buone abitudini che hai sviluppato nel postpartum e oltre. Insegna attivamente a tuo figlio a seguire il tuo esempio. Ricorda, il tuo bambino vorrà fare quello che fai: è molto più probabile che mangino cibi sani e rimangano attivi se ti vedono fare lo stesso!