Compliance

Processi selettivi nell’adozione dei sistemi di monitoraggio continuo del glucosio

Funzioni esecutive e aderenza al monitoraggio continuo del glucosio nei bambini e negli adolescenti con diabete di tipo 1.

Il monitoraggio continuo del glucosio (CGM) ha un impatto benefico sul controllo del diabete, tuttavia il suo utilizzo all’interno del popolo diabetico rimane basso. Il successo del CGM richiede un gruppo di abilità cognitive e funzioni esecutive (EF). I ricercatori del Schneider Children’s Medical Center of Israel, Institute for Endocrinology and Diabetes, National Center for Childhood Diabetes, Petah Tikva,  hanno ipotizzato che i soggetti partecipanti con EF elevato siano più aderenti all’uso della CGM.

Pubblicità e progresso

La popolazione dello studio comprendeva 85 bambini e adolescenti di età compresa tra 5 e 18 anni seguiti per il diabete di tipo 1. I partecipanti e i soggetti e i loro genitori hanno completato tre questionari: “Inventario delle valutazioni del comportamento delle funzioni esecutive” (BREVE), soddisfazione del CGM e un questionario che valuta le ragioni per interrompere l’uso del CGM.

61 soggetti partecipanti hanno usato la CGM su base regolare e 24 hanno interrotto l’uso. I soggetti partecipanti aderenti erano significativamente più giovani dei partecipanti non aderenti partecipanti con non aderenza alla CGM (p = 0,011). Non sono state riscontrate differenze significative tra sesso, durata del diabete o HbA1c. Le femmine che aderivano alla CGM avevano una capacità di “organizzazione dell’ambiente” significativamente più elevata rispetto a quelle che non aderivano alla CGM (p = 0,023). Inoltre, i partecipanti aderenti di età superiore ai 14 anni avevano una capacità di “organizzazione dell’ambiente” superiore rispetto agli stessi utenti non aderenti al CGM (p = 0,032). Nessuna differenza è stata trovata tra i gruppi in altri domini EF. La fatica da allarme è risultata essere la ragione principale per l’interruzione del CGM.

Data l’interazione tra aderenza CGM ed EF, si raccomanda che i soggetti diabetici debbano ricevere una formazione da un team multidisciplinare, compresa la consulenza psicologica prima dell’uso della CGM. Pertanto, preparandoli a far fronte alle esigenze della CGM ed evitare false aspettative.

Pubblicato il 2 dicembre 2019 in Diabetes Technology & Therapeutics.