Sport e movimento

Attività fisica di intensità moderata associata a minor rischio di diabete tipo 2

L’esercizio quotidiano a intensità moderata è associato a livelli benefici di un ormone che può ridurre il rischio di diabete tipo 2, secondo in uno studio peer-reviewed, osservazionale, umano pubblicato su Endocrine Connections . Gli uomini che fisicamente attivi a intensità moderata per 30 minuti al giorno, hanno rilasciato livelli più alti di ormone che riduce i livelli di appetito e glicemia. Questi risultati potrebbero suggerire che un’intensità ancora più bassa dell’attività fisica abituale quotidiana potrebbe aiutare a prevenire malattie metaboliche come il diabete.

Uno stile di vita sedentario può portare a complicanze metaboliche come malattie cardiache, diabete e obesità ed è la seconda causa più prevenibile di morte prematura dopo il fumo. È noto che l’attività fisica a qualsiasi intensità migliora la salute e prolunga la durata della vita. Il peptide-1 simile al glucagone (GLP-1) è un ormone che inibisce l’appetito che stimola la secrezione di insulina e abbassa i livelli di zucchero nel sangue. Precedenti studi hanno suggerito che l’esercizio fisico può influire sulla secrezione di GLP-1 ma è stato inconcludente e l’effetto dell’esercizio quotidiano a bassa intensità, inclusa l’attività regolare come camminare, rimane incerto.

Pubblicità e progresso

In questo studio, la dottoressa Charlotte Janus e la professoressa Signe Torekov dell’Università di Copenaghen, insieme ai ricercatori dello Steno Diabetes Center, hanno analizzato l’associazione tra attività fisica normale, quotidiana, e secrezione di GLP-1 in una popolazione sovrappeso di 703 uomini e 623 donne. Le frequenze cardiache dei partecipanti sono state monitorate mentre svolgevano la loro normale vita quotidiana per determinare la loro intensità di attività quotidiana, che va dal sedentario al vigoroso. I livelli di GLP-1 sono stati misurati prima e dopo aver bevuto glucosio per valutare in che modo l’attività fisica può influenzare la secrezione dell’ormone. I risultati dello studio hanno indicato che l’esercizio fisico di intensità moderata, per soli 30 minuti al giorno, ha aumentato i livelli di GLP-1 negli uomini, ma non nelle donne, che erano in media attivi per soli 20 minuti al giorno.

Janus, dottorando, commenta: “Il nostro studio è incoraggiante in quanto i risultati suggeriscono che l’attività quotidiana, anche a un’intensità relativamente bassa e per un breve periodo di tempo come camminare svelto, fare il giardinaggio e giocare con i nipoti, potrebbe migliorare l’appetito e la regolazione della glicemia. “

“Maggiori livelli di ormone GLP-1 riducono sia la sensazione di fame che la glicemia e possono quindi ridurre il rischio sia di obesità che di diabete di tipo 2”, aggiunge il professor Torekov.

“L’associazione tra attività fisica e secrezione di GLP-1 può essere vista solo negli uomini a causa di differenze fisiologiche e livelli di attività generalmente più bassi per le donne in questo studio. Può anche indicare che è richiesto un certo livello minimo di attività fisica per il positivo effetto sui livelli di GLP-1, tuttavia sono necessari ulteriori studi per confermarlo. “

Questi risultati suggeriscono che l’aumento dell’attività giornaliera di almeno 30 minuti al giorno, come camminare piuttosto che prendere un autobus, potrebbe ridurre il rischio di diabete e migliorare la salute metabolica generale. L’attività a bassa intensità è molto più realizzabile dell’esercizio ad alta intensità, che può richiedere molto tempo o essere troppo impegnativo fisicamente per alcune persone.

“Se non hai il tempo o la capacità di fare esercizio fisico ad alta intensità, aumentare il livello di attività fisica giornaliera può comunque influire sulla produzione di GLP-1 e avere effetti positivi sulla tua salute”, raccomanda Janus, studente di dottorato.

Tuttavia, è importante sottolineare come questi risultati si basano su uno studio trasversale che mostra solo le associazioni tra attività fisica e livelli di GLP-1 e non la causalità diretta. Il dottorando Janus e il professor Torekov ora pianificano di confermare questi risultati studiando gli effetti diretti dell’attività di moderata intensità sulla secrezione di GLP-1.

Divulgazione: Janus e Torekov hanno ricevuto finanziamenti dalla Novo Nordisk Foundation